comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:56 METEO:PIOMBINO12°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 02 dicembre 2020
corriere tv
Prima neve a Milano, le immagini di Piazza del Duomo

Politica giovedì 08 ottobre 2020 ore 14:39

Polo culturale, "poca chiarezza e nessuna visione"

I gruppi consiliari Pd e Con Anna per Piombino per nulla soddisfatti delle risposte dell'assessore Parodi sull'argomento. Questione in IV Commissione



PIOMBINO — "Dopo un anno e mezzo sono ancora confuse le idee e i progetti per il completamento del Polo culturale e sulla destinazione futura della biblioteca Falesiana. Nell'ultima seduta del consiglio comunale del 29 settembre, - hanno spiegato i gruppi Pd e Con Anna per Piombino - il vicesindaco Parodi ha risposto a un'interrogazione comunicando che la palazzina di piazza Appiani, dove è ubicata temporaneamente la biblioteca, resterà nelle disponibilità del Comune sulla base di un accordo di affitto e comodato d'uso da stipulare con l'Asl. L'accordo prevederà anche il rifacimento del tetto e l'uso del piano superiore della palazzina stessa. Il progetto del Polo culturale, invece, il cui cantiere è ormai fermo da tempo, dovrà essere rivisto nella sua destinazione finale in quanto il complesso dovrà diventare un centro di aggregazione culturale e non 'un mero magazzino di archiviazione di libri'”.

"Si tratta chiaramente di un'affermazione strumentale e anche fuori luogo, visto che il progetto del Polo culturale nasce proprio come spazio aperto e multifunzionale che, oltre a ospitare la biblioteca, ha l'obiettivo di promuovere politiche di integrazione e coesione per diventare il centro della vita culturale e sociale nell'ambito di iniziative di rigenerazione urbana. - hanno ricordato i due gruppi consiliari - Non si capisce quindi a cosa si riferisca Parodi quando parla di rivedere il progetto nella sua destinazione finale, forse non c'è una ferma volontà politica di portare avanti il progetto, ma non si dice chiaramente. In ogni caso, forse il polo sarà finanziato nel 2021, ha riferito il vicesindaco. La biblioteca poi, sarà trasferita da piazza Appiani solo al momento del completamento del primo lotto, se il completamento avverrà. E solo in parte, perché, stando a quanto riferito dal vicesindaco, una parte della biblioteca potrebbe rimanere in piazza Appiani, visto che l'accordo con Asl non sarà per un tempo limitato ma per un periodo molto più ampio".

Insomma per Pd e Con Anna nelle parole del vicesindaco e assessore Parodi c'è una contraddizione, dal momento che a Febbraio, ricordano, il sindaco aveva tranquillizzato il Comitato Amici della Biblioteca promettendo che la stessa non avrebbe traslocato da piazza Appiani fino a che il Polo culturale di piazza Manzoni non fosse stato completato.

Il progetto del Polo culturale era stato avviato nel 2009 dalla passata amministrazione investendovi notevoli risorse. "Un progetto che non può e non deve essere abbandonato. - hanno commentato - Il Polo è stato pensato e ideato come una piazza destinata ad accogliere e promuovere processi democratici di elaborazione e discussione, luogo di incontro tra culture e esperienze diverse in un contesto in forte trasformazione. Come avvenuto in altre realtà toscane, italiane e europee, luoghi simili sono riusciti a dare un segnale importante nel rinnovamento e nel recupero di quartieri e città riuscendo a divenire punto di riferimento per la comunità. Per questo - hanno concluso - come Partito Democratico e Con Anna per Piombino chiederemo all'amministrazione la convocazione della IV commissione per discutere di questo progetto che consideriamo un servizio di vitale importanza".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Attualità