Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:22 METEO:PIOMBINO12°13°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 02 marzo 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Minaccia di buttarsi dal balcone per 44 ore. Alla fine lo bloccano così

Attualità giovedì 06 luglio 2017 ore 10:44

Punto nascita, un grande punto interrogativo

Foto di repertorio

L'incertezza dell'assessora regionale Saccardi ha riacceso i dubbi sulle sorti del Punto nascita a Villamerina. Si spera nella deroga del Ministero



PIOMBINO — Per il futuro del Punto Nascita dell'ospedale Villamarina a Piombino rimane un grande punto interrogativo. Il suo futuro è stato sempre incerto a causa del numero di parti troppo basso rispetto alle linee guida del Ministero della salute, ma si confidava in una proroga. Almeno fino agli ultimi aggiornamenti di maggio scorso esposti dai vertici dell'Azienda Usl Toscana Nord Ovest durante la Terza Commissione Dipartimentale (leggi gli articoli correlati).

Stando a quanto rilanciato dal quotidiano Il Tirreno, durante un convegno sul servizio sanitario toscano svoltosi all'Istituto degli Innocenti di Firenze, l'assessora Stefania Saccardi si è mostrata molto incerta sulle sorti del Punto Nascita piombinese.

I dubbi arrivano proprio sulla deroga del Ministero, ritenuta una questione complicata. Ad averla ottenuta, per ora, sono Barga in Mediavalle e Portoferraio all'Elba per via della distanza dai presidi più vicini il primo e dell'insularità nel secondo caso.

E Piombino? E' in attesa della decisione del Ministero. L'iter, in ogni caso è stato inviato, come più volte sottolineato anche dal sindaco Massimo Giuliani e dall'assessora locale Margherita Di Giorgi che hanno chiesto all'assessora regionale maggiori pressioni per ottenere la deroga.

Basti pensare che il Punto Nascita di Villamarina è un punto di riferimento non solo per la città di Piombino ma per tutta la Val di Cornia. In caso di chiusura, gli ospedale più vicini sarebbero a Cecina e a Grosseto, il primo a 50 chilometri di distanza e il secondo a 150 km. Da ricordare che Piombino ha una sola strada in uscita dalla città che in caso di ingorghi, frequenti, provocherebbe non pochi disagi alle neo mamme. Fattori questi che gli amministratori locali sperano diano forza al concretizzarsi della deroga ministeriale e scongiurare una volta per tutte la chiusura.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
"Per non interrompere questo momento storico virtuoso per la nostra città, per non tornare indietro di vent’anni, sono di nuovo in campo"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Attualità

Attualità