Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:PIOMBINO23°26°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 26 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il patriarca Kirill scivola sull'acqua santa e cade durante la funzione religiosa

Attualità martedì 10 maggio 2022 ore 10:26

Rigassificatore, progetto pronto per Ravenna

Una nave gasiera (Foto di repertorio)

Il ministro Cingolani ha più volte sottolineato i tempi stringenti. Il nuovo rigassificatore al lavoro nel primo semestre del 2023



PIOMBINO — C'è già un porto pronto ad accogliere un rigassificatore. E' quello di Ravenna dove secondo le informazioni raccolte ci sarebbe già una infrastruttura idonea a un progetto di questo genere. Il porto di Ravenna come anche il porto di Piombino, ricordiamo, era tra le aree individuate dal Governo per mettere in funzione una nave gasiera.

A Piombino, con il sindaco Francesco Ferrari in prima linea, sono stati subito evidenziati gli aspetti negativi di questa realizzazione che non solo frenerebbe gli sviluppi economico del porto ma soprattutto il rilancio che la città aspetta da anni dopo la crisi dello stabilimento. Ad aggiungersi ai no al rigassificatore a Piombino anche il Comitato Salute Pubblica e il Wwf e la necessità di un maggiore approfondimento da parte delle forze politiche (leggi qui sotto gli articoli collegati).

"Il rigassificatore lo piazzeremo nel posto che ci permetterà di fare più in fretta", aveva detto il ministro alla Transizione ecologica Roberto Cingolani durante un dibattito dei giorni scorsi al Festival Città Impresa a Vicenza. "Che sia nel Tirreno o nell'Adriatico, si tratta di una scelta meramente tecnica alla quale stiamo provvedendo. Nel primo semestre del 2023 dovrà essere al lavoro".

Per il rigassificatore di Ravenna, con tanto di candidatura ufficiale avanzata dal presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini nominato commissario straordinario al progetto, c'è già stato un incontro definitivo a inizio Maggio come riportato dai quotidiani locali della zona. Il porto di Ravenna è stato scelto perché dotato di infrastrutture a mare per l’ormeggio di navi che trasportano gas liquido, lo stoccaggio e la sua rigassificazione, e del collegamento a terra per l’immissione nella rete di distribuzione italiana agli utenti finali. 

Di fronte a questo però non è ancora chiaro se Piombino può dire addio all'ipotesi rigassificatore o rimane ancora attenzionata dai tecnici Snam e dal Governo. Al momento, come anche evidenziato, Comune e Regione non hanno avuto aggiornamenti in merito.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I mille passeggeri e i 300 veicoli della nave sono stati fatti sbarcare a Livorno e dirottati su Piombino, per farli imbarcare sulla Moby Wonder
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità