QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 10°13° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 12 novembre 2019

Attualità martedì 02 ottobre 2018 ore 18:12

Rimateria, dal biogas all'energia elettrica pulita

Claudia Carnesecchi

Conclusa la fase di realizzazione dei 58 pozzi di captazione del biogas, si fissano nuovi step per Ottobre. Entro l'anno la vendita di altre quote



PIOMBINO — Fatto il punto sul dissequestro della discarica Rimateria e i lavori eseguiti durante il 37esimo incontro organizzato dalla società al Multizonale.

Per la prima volta dopo la nomina si è presentata la presidente Claudia Carnesecchi che ha sottolineato come la sua gestione si muoverà in continuità con il mandato ricevuto dall'assemblea dei soci e con il piano industriale.

Dopo la vendita del primo pacchetto azionario a Unirecuperi, la presidente ha ricordato come ora si stia "lavorando alla cessione di una seconda quota, anch'essa del 30 per cento, verso nuovi soci altrettanto qualificati. Confidiamo di concludere entro la fine dell'anno”.

E' stato il direttore di Rimateria Luca Chiti a illustrare l'avanzamento dei lavori a Ischia di Crociano. Sono stati completati, infatti, i 58 pozzi di captazione del biogas previsti dal cronoprogramma. Entro la fine di Ottobre il biogas potrà alimentare i motori per la produzione di energia elettrica. Questo, come viene spiegato in una nota, significherebbe che Rimateria diventerà autosufficiente sul fronte energetico e la quota eccedente di elettricità sarà ceduto alla rete pubblica.

"Passi avanti decisivi anche sul fronte dell'abbattimento del percolato che oggi – ha confermato Luca Chiti – è a livelli molto bassi. Gli stessi carabinieri del Noe hanno certificato la realizzazione di questi interventi permettendo così al magistrato di far dissequestrare la discarica ex Asiu".

Fatto questo aggiornamento allo staff tecnico di Rimateria non rimane che mettere a punto la documentazione richiesta nei 60 pareri espressi dagli organi competenti e le 24 osservazioni avanzate da un gruppo di cittadini. “Contiamo – ha concluso il direttore Chiti – di produrre le risposte entro il mese di ottobre”. 



Tag

Maltempo, fiumi di fango per le strade di Matera

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca