QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 11°16° 
Domani 12°17° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 15 novembre 2019

Attualità lunedì 21 gennaio 2019 ore 09:38

"Non si è voluto dare seguito all'impegno preso"

Il Comitato Salute Pubblica ha commentato l'esito dello scorso Consiglio comunale in fatto di carotaggi e vendita delle quote



PIOMBINO — Niente carotaggi e nessuna proroga per la vendita del secondo 30 per cento di azioni Rimateria. Questo il risultato dello scorso Consiglio comunale a Piombino, svoltosi l'11 gennaio (leggi qui sotto gli articoli correlati)

Decisioni che hanno spinto il Comitato Salute Pubblica a dire la sua in una lettera-comunicato diretta ai sindaci soci. "Al di là delle parole e delle promesse, non si è voluto dare seguito al preciso impegno preso prima dai sindaci soci, poi dallo stesso Consiglio comunale di Piombino perché fossero eseguiti dei carotaggi atti a scoprire se qualche rifiuto pericoloso è finito in discarica", hanno evidenziato.

Sulla richiesta di un nuovo stop della cessione delle quote Rimateria in attesa del ricorso al Tribunale ordinario di Livorno, con udienza fissata per il 24 gennaio, niente da fare. A pesare su questa decisione un parere legale richiesto da Rimateria e consegnato alle forze di opposizione in cui si può leggere che 'ad aggiudicazione provvisoria avvenuta, la sopraddetta libertà di Rimateria di non dare seguito agli adempimenti necessari per il perfezionamento dell’aggiudicazione, non può essere ritenuta esente dal serio rischio di gravi responsabilità contrattuali e precontrattuali'.

"Forti di questo parere, - hanno aggiunto dal Comitato - la giunta comunale e il sindaco affermano che ormai, giunti a questo punto, non sia più possibile sospendere la vendita. Ci teniamo a sottolineare che si tratta, appunto, di un parere che un avvocato interpellato da una delle parti ha rilasciato proprio al fine di cercare appigli giuridici che consentano alla suddetta parte di far pendere la bilancia nella direzione che più gli conviene. Il mestiere degli avvocati è proprio quello di trovare interpretazioni del diritto che siano favorevoli agli interessi dei loro clienti e di motivare, sulla base di quelle, le ragioni dei loro assistiti. Ma sta al Giudice e solo al Giudice stabilire quale delle due interpretazioni (di solito opposte, o non ci sarebbe motivo di andare davanti a un Giudice) è da intendersi come corretta in quello specifico caso. Restiamo dunque sbigottiti di fronte a questo ennesimo tentativo di forzatura da parte dell’Amministrazione. A quanto ci risulta, finché il Consiglio di Amministrazione di Asiu non provvederà alla ratifica del contratto, la vendita non c’è", hanno sentenziato.

Di fronte a questa situazione il Comitato Salute Pubblica torna a chiedere con convinzione di effettuare i carotaggi ed attendere il giudizio del Tribunale prima di assegnare le quote Rimateria a Navarra.



Tag

Venezia sott'acqua, la peggiore marea degli ultimi 50 anni: le immagini dall'elicottero

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità