Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO11°18°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 23 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Ornella Vanoni: «A Draghi dedicherei ‘Domani è un altro giorno'» e canta in diretta tv

Lavoro sabato 06 febbraio 2021 ore 10:46

Rimateria, lavoratori in stato di agitazione

I sindacati dopo la Conferenza dei servizi: “Rimateria è a serio pericolo fallimento e tre enormi rischi piomberebbero sul territorio”



PIOMBINO — “Leggiamo con enorme preoccupazione le parole del sindaco Ferrari e non ne capiamo, assolutamente, i toni trionfalistici. La posizione di Regione Toscana sulla richiesta di Aia di RiMateria sarà comunicata formalmente all'azienda nei prossimi giorni, ma considerando quanto anticipato dal sindaco di Piombino al momento non verrebbe concessa l'autorizzazione alla riprofilatura della ex discarica Lucchini, una notizia terribile per tutto il territorio non solo per i lavoratori”, così FP-CGIL Livorno, FIT-CISL Livorno, UILTRASPORTI Toscana e  FIADEL hanno commentato in una nota congiunta le notizie relative alla discarica Rimateria diffuse dal Comune di Piombino (leggi qui sotto gli articoli collegati).

“Non c'è nulla da festeggiare, anzi, questo è il momento della massima preoccupazione, perché Rimateria è a serio pericolo fallimento, entro i primi giorni di marzo andrà depositato il piano di concordato al Giudice Fallimentare di Livorno, alla cui base c'era la coltivazione della ex Lucchini e se fosse negata - hanno annunciato - 3 enormi rischi piomberebbero il territorio: RiMateria diventerebbe l'ennesimo ecomostro con emissioni e percolato non controllate, e da possibile volano per le bonifiche questo sito diventerebbe l'ulteriore bonifica da fare, da mettere in coda al lungo elenco di quelle che aspettano da decenni l’inizio di lavori promessi da tutti e mai mantenuti; difficoltà di Bilancio per le Amministrazioni Comunali socie di Asiu, comprese le pendenze giudiziarie, con potenziali rischi per i servizi pubblici di tutti i cittadini; la perdita di decine di posti di lavoro per le quali non staremo a guardare, e chi è protagonista di questo disastro dovrà trovare le soluzioni e la garanzia della continuità occupazionale”.

Per queste ragioni i sindacati hanno proclamato lo stato di agitazione dei lavoratori.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Da domenica 25 Aprile dall'incrocio con Viale Amendola fino a via Salivoli la strada sarà chiusa al traffico veicolare
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS