Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO19°24°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 23 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Un governo che cerca di non far danni è già molto, ma non basta». Applausi dalla platea

Lavoro sabato 05 giugno 2021 ore 14:32

Ugl a difesa dei lavoratori Rimateria

Bandiere Ugl

"Usati a scopi politici. Invece di fare scaramucce politiche, bisognerebbe fare fronte comune per difendere tutti i posti di lavoro, nessuno escluso"



PIOMBINO — Sulla vicenda del fallimento della società Rimateria è intervenuta anche la segreteria provinciale Ugl esprimendo da un lato la preoccupazione e la solidarietà verso i 41 dipendenti, ma all contempo il disappunto verso quelle forze politiche e sindacali che hanno attaccato sindaco e amministrazione.

"Stanno utilizzando il dramma dei lavoratori di Rimateria a scopi puramente politici, per attaccare l’Amministrazione e il sindaco che a loro avviso sarebbe l'unico e solo responsabile di questa situazione. - hanno commentato in una nota - E’ evidente a tutti coloro che hanno seguito la vicenda Rimateria negli anni, che il fallimento di quella società era solo questione di tempo. I privati a cui, ricordiamolo, la società è stata venduta, negando un referendum chiesto a gran voce dalla città, non hanno mai ottemperato alla messa a norma degli impianti, nonostante varie prescrizioni emanate dalla Regione Toscana. E’ di pochi giorni fa un comunicato dell’assessore all’Ambiente della Regione, Monia Monni che dice testualmente 'i soci privati avevano tutti gli strumenti per dare una prospettiva sostenibile all’impianto ed ai lavoratori'. Di fronte a queste dichiarazioni come si può addossare ogni responsabilità al sindaco e alla giunta di Piombino?".

"Non importa essere di destra o di sinistra per ammettere che i soci privati non hanno voluto investire un centesimo per mettere gli impianti a norma così da poter ripartire e far lavorare in sicurezza, ma hanno preferito farla fallire, basterebbe solo essere obiettivi ed onesti intellettualmente. - hanno commentato - Assistere a questo teatrino dove i lavoratori vengono usati come una clava per colpire una parte politica ci amareggia molto. La dignità di quei lavoratori merita altro. Si pensi veramente a loro, alle loro famiglie, si mettano in moto gli strumenti per tutelarli e la si smetta di pensare solo al proprio tornaconto elettorale" (leggi qui l'articolo collegato)

"Piombino ha già perso molti posti di lavoro, pensiamo per esempio all’indotto della fabbrica, che è letteralmente sparito nel silenzio della politica. Ad oggi abbiamo una situazione drammatica in Jsw, la Magona attraversa una fase molto critica, sono a rischio anche le maestranze della Italian Food di Venturina Terme, le situazioni per le quali scendere in piazza purtroppo sono molte. Invece di fare scaramucce politiche, - hanno concluso - bisognerebbe fare fronte comune per difendere tutti i posti di lavoro, nessuno escluso".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dall'azienda: "Impegnati a rimanere sul territorio. Attivato un canale con il Mise". Il sindaco pensa al recupero delle aree dismesse
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Lavoro