Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:04 METEO:PIOMBINO23°25°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 19 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
«Inginocchiati o ti sparo»: il video de Il Foglio della lite al ristorante di Albino Ruberti, capo gabinetto di Gualtieri

Attualità venerdì 15 maggio 2020 ore 16:19

Scuola, nuova richiesta per Riotorto e Populonia

Borse appese a scuola (Foto di repertorio)

L'assessora Cresci rivede le richieste: "L’Ufficio scolastico provinciale accolga la nostra richiesta per istituire le prime classi"



PIOMBINO — "Le scuole di Populonia e Riotorto devono rimanere aperte e, per questo, l’Ufficio scolastico provinciale deve agire accogliendo la nostra richiesta di attivare le prime classi per l’anno 2020-2021. L’emergenza sanitaria causata dal coronovirus ha sicuramente messo alla prova, tra l’altro, anche il sistema scolastico. Proprio per questo è necessario, subito, ripensare alla organizzazione della didattica in vista della riapertura di settembre. Una organizzazione che, oggi più che mai, deve evitare il sovraffollamento delle classi e garantire un presidio scolastico diffuso su tutto il territorio". Parole dell'assessora all'Istruzione del Comune di Piombino riprendendo la questione sollevata a inizio anno (leggi qui l'articolo collegato).

"Avevamo chiesto di accogliere, nell’ambito del dimensionamento della rete scolastica, una deroga alla formazione delle prime classi della scuola primaria di Populonia e Riotorto: scopo è poter contare, dal prossimo anno scolastico, per Riotorto su una pluriclasse prima e seconda di 21 bambini, mentre, per quel che riguarda Populonia, su una pluriclasse prima e seconda di 22. Questo avrebbe permesso di mantenere intatto il ciclo della primaria, e di evitare di dover ricollocare i bambini e, al contempo, manterrebbe il presidio scolastico nelle frazioni del territorio. - ha fatto sapere l'assessora - Il coronvirus ci impone, oggi, di ripensare anche quelle richieste: è necessario attivare le prime classi con gruppi di 10 o 12 bambini per permettere la fruizione in sicurezza". 

"Abbiamo ricevuto il sostegno della Provincia di Livorno, dei genitori, degli insegnanti e del Dirigente. L’unico che ancora non si è degnato di rispondere alle nostre richieste è l’Ufficio scolastico provinciale. Capiamo, vivendole quotidianamente, le difficoltà di questo periodo ma non si capisce perché, ad oggi, nessuno di quell’Ufficio abbia voluto degnarci di una risposta". ha concluso.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un breve ma intenso temporale e vento forte hanno interessato la Val di Cornia provocando non pochi danni su tutto il territorio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca