QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 17°22° 
Domani 18°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 17 giugno 2019

Lavoro venerdì 17 agosto 2018 ore 10:14

Sei Toscana, duecento lavoratori nel limbo

Ugl: "La scelta è stata motivata dall'azienda in previsione dell'applicazione del Decreto Dignità. Nei fatti si tratta di una vera e propria beffa"



PIOMBINO — Sospesi 200 contratti in somministrazione, di questo si è parlato durante l'incontro tra i segretari provinciali Ugl e la direzione aziendale di Sei Toscana, gestore dei rifiuti urbani nelle province dell'Ato Toscana Sud.

Il caso era stato sollevato a pochi giorni dall'approvazione al Senato del Decreto Dignità ora convertito in legge n. 96 del 9 Agosto 2018, sottolineando le conseguenze dei provvedimenti della nuova legge sui contratti a termine.

Presenti all'incontro i segretari generali Ugl per le province di Arezzo, Grosseto, Siena e Livorno visto che sono coinvolti sei comuni di quest'ultima provincia: Marco Turcheria, Marcello Boscagli, Giuseppe Dominici e Sabrina Nigro. 

"Per la nostra sigla, entrata da qualche mese con una Rsu, Andrea Rabiti, si è trattato di uno dei primi incontri che ci ha visti coinvolti come segreteria confederale. - hanno riferito in una nota - Tra l'altro la tematica trattata nel confronto è stata la sospensione di 200 contratti in somministrazione. La scelta è stata motivata dall'azienda in previsione dell'applicazione del Decreto Dignità. Nei fatti si tratta di una vera e propria beffa per i lavoratori coinvolti che da anni garantiscono la qualità del servizio con contratti a termine. Sappiamo bene tutti che questa tipologia di contratto ha delle regole ben precise e che il problema, decreto oppure no, comunque si sarebbe presentato". 

"L'azienda ha dichiarato un deficit di 200 operatori contro 464 interinali presenti fino ad oggi in azienda. - hanno aggiunto - Pur volendo tralasciare il perché nessuno si sia mai accorto che il numero degli interinali superasse ben oltre la percentuale prevista dal contratto, per quale motivo siamo arrivati ad avere numeri così alti di interinali in una azienda come la Sei? Certo la priorità oggi è capire come tutelare questi lavoratori ma non si può far finta che il problema prima o poi non sarebbe venuto fuori e che sia andato avanti per anni nell'indifferenza dei soggetti che avrebbero dovuto prendere visione della situazione non arrivando a tempi così ristretti e con il 18 per cento in più di contratti a termine rispetto a quanto previsto".

In merito alla proposta dell'azienda di affidare il servizio a cooperative non è intesa "come risoluzione della vicenda e neanche condivisa perché inaccettabile che un lavoratore della cooperativa abbia un salario più basso e minori tutele a parità di lavoro svolto da un dipendente della Sei Toscana. Tra l'altro i cittadini continuano a pagare sempre gli stessi importi per il servizio, quindi i soldi che l'azienda risparmia dando in affidamento il lavoro a cooperative dove vanno a finire? Le responsabilità sono da ricercare sicuramente nella direzione aziendale ma anche dalla assenza della politica che avrebbe dovuto esigere un piano industriale, strumento necessario per definire numeri e servizi. Ad oggi esiste solo un'ipotesi di stabilizzazione di 45 lavoratori e tutti gli altri? Nella migliore delle ipotesi riassorbiti nelle cooperative con retribuzioni più basse e spesso, ci risulta, senza neanche mezzi a disposizione e attrezzatura appropriata per svolgere al meglio il servizio".

Il prossimo incontro tra azienda e sindacati è previsto per l'11 Settembre. Attese risposte e chiarimenti.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Politica

Attualità

Lavoro