comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 10°12° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 02 aprile 2020
corriere tv
Foggia, la bomba nell'era della pandemia si mette con la mascherina

Politica martedì 18 febbraio 2020 ore 08:04

Sì alla Rete Ready contro le discriminazioni

L'ordine del giorno presentato dalle minoranze consiliari ha ottenuto il voto favorevole anche delle liste civiche di maggioranza



PIOMBINO — Approvato l'ordine del giorno presentato dalle forze di minoranza per entrare a far parte della Rete Nazionale delle pubbliche amministrazioni per il superamento delle discriminazioni basate sull'orientamento sessuale e sulle identità di genere (Re.A.Dy). La proposta era stata presentata dai capigruppo di Partito della Rifondazione Comunista, Partito Democratico, Con Anna per Piombino e Movimento 5 Stelle.

Al momento del voto la maggioranza consiliare ha votato in modo disgiunto: hanno votato favorevolmente infatti le liste della coalizione di maggioranza Ferrari sindaco, Ascolta Piombino e Lavoro&Ambiente, mentre hanno espresso voto contrario Lega e Forza Italia – Udc – Civici popolari. 

"Il valore di una coalizione composita come la nostra è proprio saper convivere con le differenze e, anzi, fare di queste un punto di forza e non una criticità. - hanno spiegato le forze di maggioranza in una nota congiunta - Abbiamo una visione comune per quanto riguarda il futuro del territorio, obiettivi che ci siamo prefissati fin dalla campagna elettorale. Sulle questioni etiche abbiamo la possibilità di votare ognuno secondo le proprie inclinazioni politiche e personali, opportunità che ci è data dalla consapevolezza che siamo al governo sorretti dal consenso della netta maggioranza dei cittadini che ci hanno accordato la loro fiducia in virtù dei progetti che abbiamo per la città. Si è trattato di una scelta ragionata che noi consiglieri abbiamo raggiunto insieme, da non confondere con criticità legate a una poca compattezza della maggioranza". 

Entrare a far parte della rete Re.A.Dy. vuol dire sostenere le associazioni del territorio che stanno lavorando per portare avanti iniziative di sensibilizzazione per i cittadini relativamente alle discriminazioni riguardanti l'orientamento sessuale e l'identità di genere disponendo anche dei fondi che la Rete mette a disposizione delle amministrazioni aderenti (leggi qui l'articolo correlato).



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità