QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 7° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 13 dicembre 2019

Politica giovedì 22 giugno 2017 ore 09:40

Tunisino espulso, la Lega vuole un giro di vite

Lega Nord: "L'espulsione del tunisino residente a Piombino non ci sorprende. Occorre la massima attenzione nei confronti di potenziali terroristi".



PIOMBINO — "Sono mesi che la Lega Nord continua ad affermare che gli estremisti islamici sono già radicati sul territorio. L’unica risposta che abbiamo sempre ricevuto è stata quella di fomentare paure, odio, e di vivere nel populismo generale!", così Lega Nord Val di Cornia è intervenuta a margine dell'espulsione di un tunisino residente a Piombino in quanto considerato soggetto pericoloso (leggi l'articolo correlato).

"Ringraziamo le Forze dell’Ordine per la loro attività di prevenzione, - ha affermato Elena Vizzotto, segretaria Lega Nord Val di Cornia - ma è evidente che occorre risalire ai 'cattivi maestri', a chi indottrina e radicalizza queste persone trasformandoli in potenziali jihadisti. C’è chi continua ad affermare che questi personaggi sono le risorse che ci pagheranno le pensioni per quel che ci riguarda sono solo potenziali terroristi, senza se e senza ma".

Al Governo la richiesta di un intervento forte, "un giro di vite sulle moschee, soprattutto su quelle abusive, presenti anche nel nostro territorio, e sui centri culturali islamici; occorre sapere - ha sottolineato - chi sono gli imam, da dove provengono e da dove arrivino i finanziamenti per l'apertura di questi luoghi". Per la Lega andrebbero anche controllate tutte le attività economiche, monitorati i contatti social e avere la certezza che chi è stato espulso sia effettivamente impossibilitato a rientrare in Italia.



Tag

Piazza Fontana, il giornalista del Corriere che era nella banca: «Mi salvò un caffè»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità