Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO11°18°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 23 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Ornella Vanoni: «A Draghi dedicherei ‘Domani è un altro giorno'» e canta in diretta tv

Attualità domenica 07 febbraio 2021 ore 15:36

"Aspettiamo Casani davanti a Villamarina"

il presidio davanti all'ospedale Villamarina

Undicesimo giorno di presidio. Il sindaco Ferrari: "Casani parla di collaborazione ma solo a parole. La aspettiamo a Piombino"



PIOMBINO — Undicesimo giorno di presidio davanti all'ospedale Villamarina di Piombino con il sindaco Francesco Ferrari in attesa di risposte da Regione e Governo sul futuro dell'ospedale di Piombino e del punto nascita.

Il sindaco Ferrari ha anche risposta al direttore generale Maria Letizia Casani rispetto alle sue recenti dichiarazioni in merito agli investimenti attuati e progetti per l'ospedale di Piombino (leggi qui l'articolo collegato).

"La dottoressa Casani nella sua ennesima replica auspica collaborazione. Ci duole essere costretti a ricorrere alla definizione del sostantivo collaborazione. Collaborazione è, infatti, rispondere alle richieste avanzatele per conoscere il numero del personale medico-sanitario impiegato all’ospedale di Piombino e quello impiegato invece a Cecina. Per conoscere quali siano gli investimenti dedicati a Villamarina negli ultimi 10 anni. Per conoscere gli interventi specifici che si intendono fare su Piombino e il loro relativo cronoprogramma. Domande datate ormai mesi ma che non hanno ricevuto ancora risposte. - ha detto Ferrari - Nel corso di una delle ultime assemblee della Società della Salute l’unica cosa che ha saputo dire la dottoressa Casani dinanzi alle mie doglianze per le mancate risposte è che serve un po’ di pazienza perché i comuni toscani sono tanti. Ci pare una scusa debole, soprattutto se si considera il fatto che la dottoressa non abbia però problemi a trovare il tempo per due repliche sulla stampa. Repliche in cui, peraltro e non volendo, conferma il trend di depotenziamento".

"Collaborazione vorrebbe dire anche venire a Piombino per confrontarsi con tutti quei soggetti, cittadini, comitati, associazioni, sindacati e istituzioni, che hanno aderito al presidio. - ha aggiunto Ferrari - La dottoressa così potrebbe constatare che, mentre richiama le grandi difficoltà della sanità, dimentica di dire che a Volterra recentemente sono stati creati posti di terapia intensiva, a Barga si nasce grazie a importanti investimenti che invece latitano al punto nascita di Piombino, a Pontedera ci sono molti più ortopedici che all’ospedale unico Cecina-Piombino pur con un numero paritetico di interventi. Se venisse a Piombino, potrebbe riferirci se siano stati rispettati i tempi di gestione delle malattie tempo-dipendenti, o
se nei reparti sia garantito il numero minimo di operatori indicato dalle linee guida codificate dalle società scientifiche. Potremmo fare tanti altri esempi. Ma li serbiamo a quando deciderà di venire a Piombino. La aspettiamo davanti al presidio".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Da domenica 25 Aprile dall'incrocio con Viale Amendola fino a via Salivoli la strada sarà chiusa al traffico veicolare
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità