Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO20°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 23 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Salone del Mobile, Sala agli espositori: «Non facciamolo saltare»

Politica giovedì 28 gennaio 2021 ore 15:59

Villamarina, se la linea del sindaco non convince

Ascolta Piombino: "Dal governo del territorio ci aspettiamo atti precisi". Pd: "Ci permettiamo di consigliarle di sedere ai tavoli istituzionali"



PIOMBINO — "Inaccettabile ridurre il tema ospedale di Piombino a una campagna di protesta, se chi muove la protesta, non è un comitato ma un amministratore pubblico. - ha commentato il portavoce di Ascolta Piombino Riccardo Gelichi - Comprensibile in campagna elettorale, ma dal governo del territorio ci si aspetterebbero atti precisi e circostanziati". 

Gelichi infatti vorrebbe sapere se quell’appuntamento annunciato dal sindaco lo scorso Dicembre con l’assessore alla sanità regionale è avvenuto. "in quell’occasione il sindaco avrebbe potuto capire la posizione della Regione sull’argomento Ospedale e punto nascita e magari insieme avviare una strategia congiunta. - ha suggerito Gelichi - L’amministrazione avrebbe potuto avviare un Consiglio tematico sul tema sanità, oppure ancora meglio una commissione tecnica con la direzione dell’Asl Nord Ovest. Il Comune potrebbe anche dirci quali proposte ha portato nell’ultima assemblea della Società della Salute delle Valli Etrusche, quali impegni ha validato nelle precedenti assemblee e se questi sono stati ottemperati. Lo dica lei, sindaco, perché dopo diciotto mesi di governo non si è chiarito né con la Regione né con la direzione dell’Asl Nord Ovest, oppure ci racconti degli impegni presi dentro la società della Salute in merito al nostro nosocomio". 

"La sanità non può essere solo un argomento da social, sarebbe interessante sapere chi ha formulato la richiesta di deroga al punto nascita, su quali parametri, standard organizzativi tecnologici e di sicurezza, flussi di mobilità; insomma sapere le motivazioni per le quali sono venute meno le caratteristiche necessarie che hanno portato a un diniego della deroga. Oppure, se esiste un modello organizzativo diverso e allora quale? Poi eventualmente si protesta, quando tutto è molto chiaro, i passaggi istituzionali sono stati fatti con atti precisi e i cittadini sono informati, quindi consapevoli", ha chiosato Gelichi.

La linea del sindaco Francesco Ferrari sulla questione sanità non ha convinto nemmeno il Partito Democratico.

“Sindaco, i problemi che la nostra città sta attraversando sono enormi. La necessità di superare la crisi economica e salvaguare l'occupazione e crearne di nuova, supportare i settori che hanno sofferto e stanno soffrendo a seguito della pandemia, sostenere la coesione sociale che è la base di una comunità solidale. Tra le questioni aperte certamente anche la situazione del nostro ospedale e del punto nascita, ma non solo, per il quale anche noi aspettiamo risposte concrete. - hanno commentato dal Pd - Ci permettiamo di consigliarle di sedere ai tavoli istituzionali anziché continuare con gesti plateali che sanno ancora troppo di propaganda.  Se la soluzione sulla quale si sta lavorando è il punto nascita unico dell'ospedale delle Valli Etrusche si impegni su quel progetto e porti a casa i risultati”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Da domenica 25 Aprile dall'incrocio con Viale Amendola fino a via Salivoli la strada sarà chiusa al traffico veicolare
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Cronaca

Attualità