QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 19°20° 
Domani 17°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 20 ottobre 2019

Attualità venerdì 28 ottobre 2016 ore 16:15

Arriva il brand "Costa di Toscana"

Antonio Mazzeo

Il progetto presentato dal presidente della commissione Costa Antonio Mazzeo: "Il turismo per la Toscana è un settore strategico, va coltivato"



PISA — "Il turismo è un settore decisivo per il rilancio di tutta l'area costiera". E' questo il presupposto dal quale prende le mosse l'idea di creare il brand Costa di Toscana.

Il presidente della commissione Costa Antonio Mazzeo ha presentato il progetto questa mattina in occasione di un incontro che si è svolto in Camera di Commercio con l'obiettivo di fare un focus sui contenuti del nuovo testo unico sul turismo.

Presenti, tra gli altri, l’assessore regionale Stefano Ciuoffo, imprese, associazioni di categoria e sindacati .

"Lanceremo presto il brand Costa di Toscana come nuova leva di attrazione e promozione -ha detto Mazzeo-. Un nuovo strumento di marketing territoriale che ovviamente non cancellerà ma valorizzerà gli altri brand territoriali storici come Versilia, Costa degli Etruschi o Maremma ma che, al tempo stesso, siamo convinti possa dare una spinta concreta nell'ottica della destagionalizzazione delle presenze e della costruzione di percorsi tematici ed integrati fra le varie aree della nostra regione".

"Il nostro impegno -ha aggiunto il presidente della commissione- sarà quello di migliorare ancora di più la legge per attirare maggiori flussi turistici e contribuire a far diventare sempre più il turismo, in tutte le sue forme dall’ambito sanitario a quello ambientale, motore di sviluppo".

Secondo Antonio Mazzeo serve però qualche aggiustamento: "Aspetto su cui concentreremo il nostro lavoro è la necessità di maggiori controlli, una prerogativa da inserire con maggiore chiarezza nella legge. Proprio perché il turismo può e deve essere volano di ripresa economica, non dobbiamo tralasciare nessun aspetto".

La nuova legge sul turismo che da poco ha iniziato il suo iter in Commissione sviluppo economico del Consiglio regionale, si prefigge di aggiornare e semplificare l’attuale disciplina. L’obiettivo è quello di innovare e di rispondere alle nuove esigenze dei territori, ad esempio, promuovendo il turismo sostenibile e di qualità nelle zone decentrate. Allo stesso tempo, non tralascia e recepisce i bisogni di chi opera nel settore a livello imprenditoriale. Dopo lo scioglimento delle Apt e la riorganizzazione delle province il nuovo testo riconoscerà il ruolo strategico del turismo attraverso nuova governance, strutturata a livello comunale e regionale. I Comuni avranno competenza nell’esercizio delle strutture ricettive, delle attività professionali, accoglienza e informazione relativa all’offerta turistica del territorio comunale. La Regione, viceversa, eserciterà attività di promozione turistica attraverso l’Agenzia regionale di promozione del comparto (riformata con la legge regionale 22/2016).

Tra gli altri obiettivi della legge: migliorare la capacità competitiva delle strutture ricettive di tipo alberghiero, chiarendo anche il ruolo e le funzioni di quelle extralberghiere, aggiornare le normative in tema di agenzie di viaggio e di professioni turistiche.



Tag

Meloni a Roma: «Cinquestelle stretti in auto blu come sardine in salamoia»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità