QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 12°14° 
Domani 14°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 06 dicembre 2019

Lavoro mercoledì 15 novembre 2017 ore 13:48

"Smettete di prendere in giro questo territorio"

Le Rsu Aferpi e Piombino Logistics a Roma (Foto pubblicata da Fiom su Facabook)

Lo hanno chiesto le Rsu Aferpi e Piombino Logistics all'interno di una lettera consegnata a margine dell'assemblea dei soci. Ecco la lettera integrale



ROMA — Mentre a Roma si è svolgeva l'assemblea dei soci, le Rsu Aferpi e Piombino Logistics hanno manifestato all'ingresso dello studio legale romano e poi hanno consegnato una lettera indirizzata all'imprenditore algerino Issad Rebrab e ai membri del gruppo Cevital.

Lettera che riportiamo integralmente:

"Mr Rebrab ed egregi membri del Gruppo Cevital, 
vi scriviamo questa breve lettera come rappresentanti dei lavoratori Aferpi e Piombino Logistics. 

Quando il vostro gruppo nel Dicembre 2014 ha presentato un'offerta vincolante per l'acquisto dello stabilimento di Piombino avete trovato un'intera comunità che vi ha dato fiducia e migliaia di lavoratori pronti a sacrificare importanti parti del proprio già basso stipendio, credendo nel vostro progetto siderurgico-logistico-agroindustriale pur di garantirsi un lavoro e lo sviluppo non solo dello stabilimento ma di un intero territorio.

Oggi sono trascorsi oltre 30 mesi e la situazione è sotto gli occhi di tutti, crediamo che perfino voi vi rendete conto che la situazione non sia più tollerabile. È evidente che i vostri problemi finanziari, la vostra totale non conoscenza di un settore così complesso come quello della siderurgia hanno reso il vostro progetto ormai irrealizzabile. 

Oggi, a nome dell'intera popolazione della Val di Cornia e di migliaia di lavoratori, vi chiediamo di fermarvi, di fare un passo indietro riconoscendo la propria incapacità e impossibilità a realizzare il vostro ambizioso progetto. Se decidete di andare avanti, aggraverete una situazione che già oggi è insostenibile: tutti i treni di laminazione fermi, investimenti e smantellamenti mai nemmeno partiti, clienti e mercato oramai persi e difficilmente recuperabili... 

Fermatevi, smettete di prendere in giro con false promesse questo territorio che ha una storia centenaria nella siderurgia. Piombino e i lavoratori non se lo meritano!!! Fermatevi e concordate con il Governo italiano una degna ritirata, oppure trattate la cessione in modo rapido dello stabilimento con quei gruppi che in queste settimane hanno dichiarato il proprio interesse di tornare a produrre acciaio a Piombino. 

Noi non ci arrendiamo, continueremo a lottare per difendere il nostro lavoro ed il nostro misero reddito. Fermatevi ora, basta bugie!! Solo così forse quel territorio che vi ha così ben accolto, forse non vi odierà per l'eternità".



Tag

Governo, Renzi: «Litigano su tutto, ci sta che si vada a votare davvero»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Attualità

Attualità