Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO18°29°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 24 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Miami, crolla un palazzo di 12 piani: le prime immagini

Toscani in TV domenica 07 marzo 2021 ore 08:00

​Tecla sul palco con Amadeus per la finale di Sanremo

Tecla Insolia a Sanremo

Toscana di Piombino con un talento che spazia dalla recitazione al canto, la giovane Tecla Insolia è tornata al Festival. Mercoledi sarà Nada su Rai1



SANREMO — Invitata da Amadeus nelle vesti di co-conduttrice, Tecla, 17 anni appena compiuti, è intervenuta alla 71esima edizione del Festival della canzone italiana per presentare il film per la TV diretto da Costanza Quatriglio, “La bambina che non voleva cantare”, liberamente ispirato al libro autobiografico “Il mio cuore umano” di Nada, in cui Tecla impersona la cantante livornese. Il film, in onda mercoledi su Rai1, racconta la storia di Nada, divenuta celebre a soli 15 anni con “Ma che freddo fa” e vincitrice del Festival nel 1971 con “Il cuore è uno zingaro” che nella fiction Tecla canta con la sua voce e senza trucco o quasi, ma tirando fuori tutto il carattere livornese della cantante.

L’attrice e cantante toscana, è nata a Varese da genitori siciliani ma si è trasferita con la famiglia a Piombino quando aveva appena 1 anno. Ha iniziato a studiare musica da piccolissima presso la Woodstock Academy seguita dall'insegnante Gianni Nepi e a partecipare alle attività dell'associazione artistica fondata da Gianna Martorella. Da lì l’inizio di una carriera folgorante. 

Seppur giovanissima Tecla ha infatti partecipato a eventi importanti tra cui il Festival di Castrocaro e programmi televisivi come Pequeños gigantes, in cui, nel 2016, si è classificata terza. Poi i primi ruoli come attrice: nel 2018 recita ne “L’allieva” e in “Vite in fuga” e nel 2020 lo strike a Sanremo vincendo con il brano “8 marzo” Sanremo Young, piazzandosi seconda tra le Nuove Proposte al Festival e aggiudicandosi il Premio Lucio Dalla e il Premio Enzo Jannacci “per aver raccontato il ruolo della donna spesso drammaticamente inserito in difficili contesti sociali". In quella sede dichiarò: “Voglio portare un messaggio, voglio dimostrare che una ragazza di sedici anni ha una mente, ha due occhi con cui si è fatta la propria idea del mondo, attraverso ciò che vive e ciò che vede. Avere la mia età non significa essere bambini come molti pensano”.

Tecla Insolia sul palco di Sanremo insieme ad Amadeus ha presentato Orietta Berti che con il pezzo “Quando ti sei innamorato” si è classificata al nono posto. La vittoria del 71°Festival della canzone Italiana è andata ai Maneskin con “Zitti e buoni”, secondo posto per la coppia Fedez-Michielin con “Chiamami per nome“ e terzo Ermal Meta che con “ Un milione di cose da dirti” si aggiudica anche il premio Miglior composizione musicale Giancarlo Bigazzi assegnato dall’orchestra.

Elisa Cosci
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Commissario tecnico federale di ju-jitsu e caporeparto alla Jsw, lascia la moglie e due figlie
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Attualità

Lavoro