Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:24 METEO:PIOMBINO19°21°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 27 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Di Battista: «Di Maio?Mi dispiace, ma chi è causa del suo mal... Ora si prenda una laurea»

Attualità mercoledì 20 luglio 2022 ore 15:00

"Rigassificatore a Piombino entro la primavera 2023"

Mario Draghi
Mario Draghi - Foto Presidenza del Consiglio

lo ha dichiarato il premier Draghi nel suo discorso in Senato sulla crisi di governo: "Dobbiamo accelerare l'installazione per la sicurezza nazionale"



ROMA — Il nuovo rigassificatore dovrà essere installato nel porto di Piombino entro la primavera 2023. Lo ha dichiarato il presidente del Consiglio  Mario Draghi durante il suo intervento di questa mattina in Senato sulla crisi di governo, criticando l'ampio fronte del no all'impianto che si è formato in Toscana sia fra i cittadini che in alcune istituzioni.

"L'Italia deve continuare a ridisegnare la sua politica energetica, come fatto in questi mesi - ha dichiarato Draghi - Il vertice di questa settimana ad Algeri conferma la nostra assoluta determinazione a diversificare i fornitori, spingere in modo convinto sull'energia rinnovabile. Per farlo, c'è bisogno delle necessarie infrastrutture". 

"Dobbiamo accelerare l'istallazione dei rigassificatori a Piombino e a Ravenna - ha detto ancora il premier - Non è possibile affermare di volere la sicurezza energetica degli italiani e poi, allo stesso tempo, protestare contro queste infrastrutture". 

"Si tratta di impianti sicuri, essenziali per il nostro fabbisogno energetico, per la tenuta del nostro tessuto produttivo. In particolare, dobbiamo ultimare l'istallazione del rigassificatore di Piombino entro la prossima primavera. È una questione di sicurezza nazionale".

Nelle scorse settimane hanno preso posizione contro il rigassificatore comitati cittadini, associazioni ambientaliste, il Comune di Piombino e la Provincia di Livorno. E infatti le parole di Draghi hanno innescato una dura reazione da parte del sindaco Francesco Ferrari.

“La sicurezza energetica è fondamentale, non c’è dubbio, ma non può essere barattata con la sopravvivenza di una comunità - ha scritto il sindaco in una nota - Da decenni Piombino paga conseguenze ambientali, economiche e occupazionali in nome del sistema Italia. Ora che, finalmente e con fatica, la città si sta risollevando, questo rigassificatore rischia di essere il colpo di grazia per la rinascita ambientale e la diversificazione economica di tutto il territorio”.

Per il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, commissario straordinario per il rigassificatore, quelle di Draghi sono state invece "parole di buon senso".

"Anch'io le ho pronunciate tante volte nei momenti di confronto con amministratori, cittadini e comitati di Piombino - ha detto Giani - Andremo avanti, abbiamo già predisposto tutti gli atti, nelle prossime ore il progetto verrà inviato ai 30 enti competenti. Mi sto impegnando per far capire a tutti che si tratta di un'opera superiore, di interesse nazionale, nell'interesse di tutti per non vedere razionate le fonti energetiche per l'inverno".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ecco dove sono rimasti i 'baluardi rossi' dopo le politiche 2022, con il centrodestra trainato da Fratelli d'Italia vittorioso in Italia e in Toscana
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Politica

Politica