Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:45 METEO:PIOMBINO18°21°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 28 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Federico Rampini e la nuova Arabia Saudita: possiamo fidarci di bin Salman?

Sport venerdì 15 dicembre 2023 ore 13:01

Atletico Piombino a caccia di punti a Firenze

Foto di Riccardo Marchionni

Arriva Favilli, portiere del Salivoli; a centrocampo preso Marianelli. Il punto con Gordiano Lupi



PIOMBINO — Domenica l’Atletico Piombino affronterà un altro avversario difficile, se non proibitivo, soprattutto quando gioca tra le mura amiche dove è sempre sostenuto da un tifo caldo e appassionato. Sì, perché il Lebowski è dei suoi tifosi. Vi racconto la storia. Nel 2004 un gruppo di amici decise di seguire le sorti di una squadra di terza categoria fiorentina, l’A.C. Lebowski, che perdeva tutte le partite. Un mix di goliardia e di antica militanza in curva Fiesole, portò quei ragazzi ad andare a vedere le partite organizzando il tifo con bandiere, striscioni e cori. Nel 2010, dopo 5 anni al seguito costante dell’ultima squadra di Firenze, quegli ultras fondarono una nuova società: l’USD Centro Storico Lebowski. La società era così fragile che ben pochi avrebbero scommesso sulla sua durata oltre la prima stagione, anche perché era il primo esperimento italiano di azionariato popolare calcistico. Una cosa insolita, non il presidente con il denaro e il potere in mano, ma i tifosi al comando, riuniti in una singolare società per azioni calcistica, di proprietà collettiva, orizzontale, non scalabile. Infatti, se una società sportiva è retta da un presidente facoltoso o da un’azienda, la società dipende dalle sue fortune (vedi il Piombino che ai tempi d’una florida Magona era in serie B), dai suoi capricci, dalla sua convenienza. Per gli sportivi del Lebowski (anche per noi, guarda un po’!), una società sportiva è patrimonio fondamentale di un territorio, è luogo di educazione, di aggregazione, di divertimento, di salute. Per questo motivo, il modello organizzativo prevede non che “uno” dia “tutto”, ma che in “molti” diano quel “poco” che possono. Il modello Lebowski ha dato i suoi frutti, perché la società ha vinto quattro campionati, passando dalla Terza Categoria all’Eccellenza, tesserando ex calciatori professionisti come Borja Valero, creando una Scuola Calcio gratuita in San Frediano, in pieno centro di Firenze, in un giardino pubblico su cui era in atto un contenzioso per fermare una speculazione immobiliare. Inoltre il Lebowski ha due squadre amatoriali e una squadra di calcio femminile; la sua sede era presso la società Impruneta Tavarnuzze, poi è passata negli impianti della Trave, in via dei Vespucci. Nella nuova casa il Lebowski conta su tre campi di calcio a undici, un campo da calcio a sette e un campo da calcio a cinque, mentre le gare del campionato di Promozione le gioca allo Stadio Boschi, al numero 7 di via Pio Fedi, sul terreno di gioco dell’Isolotto.

Sono soltanto due i precedenti tra Atletico Piombino e Lebowski, campionato di Promozione 2019/20, interrotto per il Covid, con il Piombino secondo classificato (47 punti) a due lunghezze dal Certaldo e promosso in Eccellenza, mentre il Lebowski si piazza terzo a 44 punti. Il Lebowski batte il Piombino per tre a zero all’Impruneta (8 settembre 2019); in quella squadra - allenata da Manuel Madau - giocano: Sannino, Catalano, Quarta, Maio (Filippi), T. Rocchiccioli, I. Rocchiccioli, Braschi, Luci, Catarzi (Gherardini), Poggi (Fontana), Barozzi (Rossi). Nuova sconfitta del Piombino al Magona per 2 a 0, il 22 dicembre 2019, nella gara di ritorno. Formazione: Sannino, De Gennaro, Quarta (Dervishi), Di Batte, Del Nero, Cecchini, Catalano, Luci (Maio), Morelli, Zoncu (Gherardini), Catarzi (Braschi). Due partite giocate contro i fiorentini sono state altrettante sconfitte, la speranza è di invertire la tendenza.

Il Lebowski 2023/24 è squadra attrezzata per il salto di categoria, per il momento è nona con 17 punti (4 vittorie, 5 pareggi e 3 sconfitte), gol fatti 19 e subiti 15, età media anni 25. Domenica scorsa il Lebowski ha pareggiato in casa del Montelupo, una delle squadre più forti del campionato. La vittoria con il Piombino consentirebbe ai grigioneri di casa di tornare in lizza per un posto nei play-off. In casa Atletico Piombino registriamo molte partenze, da tempo non fanno più parte della rosa Gazzanelli, Gaffi e Bartoli, mentre è stato ufficializzato l'addio di Mori (forse andrà al San Miniato Basso). In entrata due novità. Biagio Favilli, portiere provenente dal Salivoli, di vecchia militanza nerazzurra, che domenica debutterà in difesa della porta piombinese. Marco Marianelli (1999), centrocampista difensivo livornese, buona stazza fisica (1,80), una stagione da leader nel Rosignano Solvay, con doti duttili da giocatore esterno.

Antonio Brontolone ci ha detto: “Il gruppo è unito e per centrare la salvezza è un requisito importante. Stiamo prendendo brutte batoste, ma siamo convinti che ci riprenderemo”. L’Atletico Piombino è atteso da due turni complicati: dopo Lebowski trasferta a Ponteginori contro il Saline (sabato 23 dicembre), altra squadra ben organizzata, quindi ultima gara del girone d’andata al Magona contro l’Armando Picchi (7 Gennaio), avversario diretto per la salvezza. Non ci resta che gridare Forza Piombino… Sperando nei rinforzi imprescindibili a centrocampo e in attacco!


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un’opportunità strategica per monitorare l’ecosistema marino nel corso della realizzazione dei grandi collegamenti sottomarini
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Sport

Attualità