Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:12 METEO:PIOMBINO12°27°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 12 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Neymar distratto dal telefono gioca a poker durante la festa di compleanno della figlia

Attualità mercoledì 01 febbraio 2023 ore 09:50

A Campiglia niente stralcio dei piccoli debiti

Per laa Giunta comunale di Campiglia Marittima si paga comunque, delibera per incentivare i comportamenti virtuosi dei contribuenti



CAMPIGLIA MARITTIMA — La Giunta comunale di Campiglia con la propria delibera n. 10 del 30 Gennaio 2023 ha scelto di non applicare lo stralcio parziale ai carichi affidati all’agente della riscossione dal 1° Gennaio 2000 al 31 Dicembre 2015 le disposizioni di cui all’articolo 1articolo 1, commi 227 e 228, legge 29 dicembre 2022, n. 197, così come previsto dal comma 229 della medesima legge.

Da un'analisi svolta dall’Ufficio Contabilità del Comune di Campiglia, salvo diversa comunicazione da parte dell’Agente della Riscossione al 30 Giugno 2023, la quota soggetta a potenziale stralcio per l’ente è pari a 111.246,75 euro derivanti dai carichi affidati all’Agenzia delle entrate-Riscossione articolati in un carico complessivo di 4.793.901,90 euro, un importo residuo di 2.626.356,26 euro e un importo soggetto a discarico di 111.246,75 euro.

Come spiegato in una nota dell'Amministrazione e come esplicita la delibera approvata, le motivazioni politiche della decisione assunta dalla Giunta risiedono, nel fatto che l’adesione allo stralcio (che in estrema sintesi riguarda singoli debiti di cittadini per somme fino ai 100 euro per tributi, sanzioni amministrative comprese quelle per violazioni del codice della strada) significherebbe disincentivare i comportamenti virtuosi e contrasterebbe con il principio di equità nei confronti dei cittadini, la stragrande maggioranza dei quali adempie ai propri obblighi di contribuzione al sostenimento della spesa pubblica.

Inoltre, a fronte degli stessi benefici, in termini di riduzione degli importi da corrispondere, il debitore potrà accedere alla definizione di cui dall’articolo 1, comma 231, legge 29 Dicembre 2022, n. 197, con il conseguente incasso per il Comune della quota capitale del credito.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno