Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO22°24°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 24 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Nicola Tanturli, il momento in cui viene trovato dal giornalista de «La Vita in diretta»

Politica martedì 14 aprile 2020 ore 16:56

"Positivi in centro riabilitazione, inaccettabile"

Un operatore sanitario (Foto di repertorio)

Dura critica da parte del Gruppo 2019 a Campiglia Marittima rispetto a quanto accaduto nel centro di riabilitazione post Covid



CAMPIGLIA MARITTIMA — "Le notizie che giungono sulla presenza di pazienti positivi al Covid 19 nella struttura di Campiglia riempiono di sconcerto e apprensione", è il Gruppo 2019 a porre delle perplessità rispetto a quanto accaduto nel centro di riabilitazione per i negativizzati Covid-19 a Campiglia Marittima.

"In verità molti dubbi permangono sull’intera operazione che non sembra esente da improvvisazione in un ambito nel quale la rigorosa esattezza della pianificazione è sempre un presupposto imprescindibile a tutela del personale sanitario e della salute della collettività. - hanno commentato in una nota - La decisione di individuare Campiglia come sede per la convalescenza di pazienti negativizzati al Covid 19 va di pari passo ai disservizi per la riabilitazione che vi si svolgeva, come denunciato da un utente sulla stampa, ma era un servizio per cui si era garantito l’arrivo di soli pazienti negativi in struttura. Questo perché la struttura non è minimamente attrezzata come presidio Covid 19 e, l’invio di pazienti positivi significa esporre al rischio del contagio personale sanitario e utenza. Inutile ricordare la presenza dell’Rsa e dunque la permanenza nel medesimo plesso di soggetti ad alto rischio"

"Adesso, oltre ad augurarci che il contagio non abbia interessato né il personale sanitario, né gli utenti di Campiglia, occorre far piena luce sull’intera operazione, dalla genesi del progetto per le convalescenze, sino alla gestione delle informazioni sulle effettive condizioni dei pazienti inviati nella struttura. - proseguono - In ogni caso siamo di fronte ad un episodio gravissimo in cui si sommano una drammatica inconsistenza nella progettazione, una grave sottovalutazione dei rischi nella gestione dei progetti e una carenza di trasparenza nella circolazione delle informazioni che lascia impietriti".

"Mentre si chiede alla cittadinanza prudenza e senso civico, si lodano gli sforzi del personale sanitario e si impongono misure di contenimento che richiedono sacrifici economici pesantissimi per le aziende, non si giustifica in alcun modo una condotta così dissennata che azzera la fiducia dei cittadini nelle autorità competenti, un danno gravissimo soprattutto in tempi così complicati. -hanno concluso - A tutto questo si aggiunge la preoccupazione che tutti i servizi spostati per permettere questa iniziativa, possano in seguito tornare nella loro sede originaria".

A dare la segnalazione dell'accaduto i sindacati e la sindaca Alberta Ticciati che ha chiesto l’immediato spostamento di questi pazienti (leggi qui l'articolo collegato).

Sull'accaduto si è espresso anche il consigliere regionale della Lega Roberto Biasci chiedendo una gestione chiara e senza possibilità di equivoci.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Commissario tecnico federale di ju-jitsu e caporeparto alla Jsw, lascia la moglie e due figlie
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Attualità

Lavoro