Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:21 METEO:PIOMBINO13°22°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 24 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Napoli, strattonata e rapinata poi viene trascinata dal ladro con l'auto

Attualità martedì 12 ottobre 2021 ore 16:57

Rendere visitabili i Fornelli di Monte Rombolo

Uno dei due fornelli

Comune, Parchi e società Cave insieme con l'obiettivo di ampliare il Parco Archeominerario di San Silvestro



CAMPIGLIA MARITTIMA — Firmato il contratto di comodato tra società Cave e Comune e un protocollo d'intesa per la gestione tra Comune e Parchi per quanto riguardo i Fornelli di Monte Rombolo nell'ambito dell'ambizioso progetto di completamento del Parco Archeominerario di San Silvestro.

Martedì 12 ottobre alle 9,30 in Comune è avvenuta la firma contestuale dei due importanti atti con il quale si individua un percorso condiviso per il futuro ampliamento del Parco Archeominerario di San Silvestro, a partire dall'inserimento dell'area dei Fornelli di Monte Rombolo fra le aree in gestione a Parchi val di Cornia. 

Tale percorso, come si legge nel protocollo, dovrà prevedere fra le prime azioni la redazione di un masterplan aggiornato, verrà attuato seguendo le tempistiche stabilite dal protocollo d'intesa siglato da Comune, Regione e Società Cave di Campiglia e inoltre definire le condizioni necessarie per l'affidamento alla Parchi della gestione dei Fornelli di Monte Rombolo per un periodo sperimentale, fino a che la conferenza dei sindaci non si sarà pronunciata per l'eventuale inserimento dell'area nel contratto di servizio. 

L'impegno del Comune è quello di acquisire le aree non pubbliche oggetto del protocollo siglando il comodato con Cave di Campiglia e a compiere tutte le azioni necessarie per la messa in sicurezza delle aree rendendole idonee alla fruizione pubblica. La Parchi dovrà collaborare con il Comune nella progettazione degli interventi di ampliamento del Parco archeominerario attraverso il bagaglio di conoscenze ed esperienze del proprio personale. Da subito la Parchi assume l'impegno di redigere un piano previsionale di gestione dell'area dei Fornelli che valuti le possibili azioni per integrare l'area all'interno dei percorsi del Parco comprensivo.

L'area è stata messa in sicurezza e attrezzata per le visite con un progetto e lavori finanziati dalla Regione Toscana per 70mila euro, rispettando l'impegno preso con il protocollo quadro del 2020 e per 20mila euro dal Comune di Campiglia Marittima. L'area sarà presto visitabile per gruppi e in occasioni speciali, infatti allo stato dell'arte la strutturazione e messa in sicurezza del percorso riguarda l'area in prossimità dei Fornelli. Per l'effettiva fruizione in autonomia per i visitatori del parco si dovrà attendere la sistemazione del percorso, in fase di individuazione, che da Rocca San Silvestro conduce ai Fornelli che distano in linea d'aria circa un chilometro e circa 2,5 km percorrendo la strada di cava. 

Soddisfazione è stata espressa da tutte le parti coinvolte. "Un primo concreto e tangibile tassello dell’ambizioso protocollo sottoscritto un anno fa con Regione e azienda privata. - ha commentato la sindaca Alberta Ticciati - Un risultato non scontato che conferma la volontà e la determinazione nel perseguimento di un obiettivo che non è soltanto di mandato, ma che può costruire le basi per un nuovo sviluppo per il nostro territorio, economico, occupazionale, sociale. Noi ci crediamo e continueremo a lavorare in questo solco riconoscendo nella società Parchi, nonostante le criticità e i limiti che ci auguriamo di superare, il soggetto giusto per programmare uno sviluppo che vada oltre i confini territoriali di ciascun Comune e che guardi al futuro della nostra bellissima realtà".

"L’inserimento dell’area dei Fornelli di Monte Rombolo fra le aree in gestione a Parchi Val di Cornia rappresenta l’inizio di un percorso che ha come obiettivo la reale condivisione del progetto per il futuro ampliamento del Parco Archeominerario di San Silvestro; - ha spiegato il presidente della società Parchi, Alessandro Bruni - un progetto che vada a dare ulteriore risalto al valore ambientale, storico, archeominerario e turistico del Parco di San Silvestro".

Il presidente di Cave di Campiglia Lorenzo Banti nel rilevare l'importanza degli atti sottoscritti ha sottolineato come questo sia "un passo importante, di prospettiva, che consente di dare una visione al futuro utilizzo delle aree estrattive anche dopo la loro dismissione, immaginandone una riconversione volta alla fruizione pubblica, salvaguardando la capacità occupazionale e la sostenibilità ambientale, decidendo di governare un processo complesso".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono previste raffiche di vento a oltre 80 chilometri orari. La Protezione civile regionale ha emesso un codice giallo per gran parte della Toscana
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Sport