comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 13°21° 
Domani 13°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 30 maggio 2020
corriere tv
Il video di Zerocalcare sugli infermieri precari e sottopagati

Politica lunedì 18 maggio 2020 ore 10:38

Riabilitazione Covid, la linea Ticciati non piace

Bandiera della Lega (Foto di repertorio)

Fulcheris (Lega): "Propone un ordine del giorno sul problema più per far bella figura sui giornali che passare attraverso misure più drastiche"



CAMPIGLIA MARITTIMA — Sulla questione del centro di riabilitazione Covid a Campiglia interviene anche il consigliere della Lista Marconi Federico Fulcheris in quota Lega Salvini Premier.

"Non nascondo che ci avevamo sperato e mi stavo convincendo che probabilmente per una volta le logiche partitiche sarebbero state superate dall’amore per la popolazione della Val di Cornia di cui il sindaco è primo cittadino. Avevamo offerto il nostro incondizionato appoggio al nostro sindaco pronti a scendere in piazza con lei per ottenere un ritorno alla situazione del nostro ex ospedale con ripristino del Reparto di Riabilitazione e del Poliambulatorio ed il nostro partito a livello regionale si era dichiarato apertamente a favore di questa nostra posizione. Avevamo cercato di muovere le corde di quel minimo di orgoglio che avrebbe dovuto manifestare un sindaco messo totalmente in un angolo e ignorato nel suo ruolo istituzionale di rappresentante del popolo e garante della sua salute". 

Così ha esordito in una nota criticando la sindaca Alberta Ticciati e la scelta dell'Azienda Usl Toscana Nord Ovest

"Perché in un periodo in cui i dati epidemiologici migliorano e le strutture Covid ben organizzate di Pisa, Firenze, Livorno, Siena hanno dimezzato il numero di pazienti avendo tanti posti liberi, si pensa che ci sia bisogno proprio del presidio di Campiglia che potrà ospitare un irrisorio numero di pazienti? - si domanda il consigliere - La risposta naturalmente ce l’hanno i poteri forti del partito di maggioranza, forse l’assessore regionale ed il governatore che si guardano bene dall’uscire allo scoperto. Forse qualcuno vuole fare di questo sciagurato progetto un proprio cavallo di battaglia per prendersi la gloria della bandierina appuntata sulla pelle della nostra popolazione?".

"Forse - prosegue in una nota - il nostro sindaco propone un ordine del giorno sul problema più per far bella figura sui giornali che passare attraverso misure più drastiche che permetterebbero davvero di far luce sulla vicenda. Vogliamo sapere i nomi dei veri autori di questo scempio; vogliamo sapere l’opinione del direttore della Società della Salute e del direttore della riabilitazione, ne avremo pur diritto. Quindi no, voteremo contro a quell’ordine del giorno perché crediamo che in questo momento Campiglia debba pensare al suo territorio, rimettendo in moto il centro di riabilitazione ed il poliambulatorio per i suoi cittadini e cancellando l’idea di un presidio Covid".

E conclude: "Se veramente in coscienza il sindaco è convinto della bontà del progetto, l’Amministrazione produca un documento nel quale si assume la totale responsabilità in sede civile e penale di eventuali incidenti di percorso che possano mettere a repentaglio la salute dei nostri concittadini".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Attualità