Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO20°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 23 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Libia, 130 migranti annegati. Il racconto dalla nave Ocean Viking: «Abbiamo navigato in un mare di cadaveri»

Politica martedì 02 febbraio 2021 ore 14:57

"Salvaguardare ospedale e punto nascita"

Dall'europarlamentare Susanna Ceccardi e il consigliere regionale Marco Landi (Lega) il sostegno al presidio davanti all'ospedale Villamarina



PIOMBINO — “Gli abitanti di Piombino e della Val di Cornia non sono cittadini di Serie B. La Regione ne prenda atto e agisca di conseguenza salvaguardando il presidio ospedaliero e pretendendo dal governo la deroga per la riapertura del punto nascita di Villamarina”. 

Lo scrivono in una nota l'europarlamentare Susanna Ceccardi e il consigliere regionale Marco Landi (Lega) che nella mattinata hanno incontrato i cittadini che da giovedì scorso stanno manifestando contro il depotenziamento dell’ospedale di Piombino e la chiusura del punto nascita (leggi qui sotto gli articoli collegati). Oggi è il sesto giorno del presidio.

"I presidi sanitari sono un punto di riferimento imprescindibile per il territorio e la popolazione, a maggior ragione in zone, come la Val di Cornia, con pesanti ritardi infrastrutturali causati da una scarsa attenzione da parte della Regione. - hanno proseguito - In campagna elettorale ci eravamo assunti l'impegno di preservare i servizi sanitari di quest'area e difendere il diritto alla salute di tutti i cittadini: oggi siamo qui per richiamare nuovamente l'attenzione, perché gli abitanti di Piombino e della Val di Cornia, rischiano di essere seriamente penalizzati dalla scure dei tagli operati dal governo e contro cui la Regione non ha fatto e non fa abbastanza".

“Dall’opposizione il centrodestra ha sempre cercato di tenere alta l’attenzione sul tema, e di certo continuerà a farlo. Nelle scorse settimane la Lega ha depositato un’interrogazione in consiglio regionale a cui auspichiamo che la giunta dia rapidamente una risposta. Ma soprattutto – hanno concluso Ceccardi e Landi a seguito dell'incontro con la dirigenza ospedaliera – chiediamo che venga riproposta e accolta la richiesta di deroga, perché è evidente che da Firenze non sono riusciti a far capire a Roma che Piombino e la Val di Cornia soffrono di ritardi infrastrutturali che vanno ben oltre la distanza chilometrica da Cecina”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Da domenica 25 Aprile dall'incrocio con Viale Amendola fino a via Salivoli la strada sarà chiusa al traffico veicolare
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Politica

Attualità

Attualità