Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO18°25°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 27 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Francia, Macron colpito da un uovo a Lione: contestatore centra il presidente

Attualità sabato 28 marzo 2015 ore 18:09

Colpo di scena Cevital: niente altoforno

Farid Tidjani, amministratore delegato di Cevital, sorprende tutti tornando al piano originario: niente altoforno e tutto sui forni elettrici



PIOMBINO — Niente altoforno, sì ai forni elettrici e all'agroalimentare. L'annuncio di Farid Tidjani sorprende tutti, addetti ai lavori e non. La decisione ha avuto l'ok del patron Issad Rebrab e segna un ritorno al piano originario che Cevital aveva messo in campo nel momento in cui era stata avviata la trattativa per la ex Lucchini.

"Abbiamo studiato l'ipotesi Afo - ha spiegato Tidjani - e abbiamo fatto tutte le valutazioni, quella più positiva era il basso prezzo del minerale, ma ci siamo chiesti, durerá? La risposta è stata che c'erano troppe incognite".

La prima preoccupazione è quella che riguarda l'impatto occupazionale: la riaccensione dell'Afo avrebbe permesso un impiego immediato dei lavoratori che, è bene ricordarlo, sono alle soglie della scadenza degli ammortizzatori sociali. Ma Tidjani para subito il colpo: "Al sindacato voglio dire che capisco come la soluzione Afo fosse nell'immediato più favorevole per l'occupazione ma posso assicurare che con le nostre attività, acciaieria, logistica e agroindustriale, in tre anni riassumeremo tutti i dipendenti e 1500 lavoratori in più"

Tidjani, poi ha minimizzato i problemi di approvvigionamento dei semi prodotti, che sembravano al contrario aver spinto verso la soluzione dell'Afo: "stiamo facendo acquisti in Italia e all'estero, su questo fronte non ci sono problemi"

La sala del Phalesia ha visto presenti tutti i protagonisti della vicenda Lucchini: da Issad Rebrab a Piero Nardi,  dal sindaco Massimo Giuliani al commissario dell'autorità portuale Luciano Guerrieri, il presidente di Federacciai Antonio Gozzi fino alla sottosegretaria all’Ambiente, Silvia Velo e il viceministro dello Sviluppo economico, Claudio De Vincenti.

Il prossimo appuntamento è previsto per lunedì quando i sindacati saranno al MISE per chiedere rassicurazioni anche al Governo circa il reimpiego dei lavoratori.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Su #tuttoPIOMBINO di QUInews Valdicornia "La città vecchia" di Gordiano Lupi. Foto di Riccardo Marchionni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Attualità

CORONAVIRUS

Politica