Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO13°15°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 26 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Funerali di Stato per Attanasio e Iacovacci: la moglie dell'ambasciatore in prima fila con le figlie

Attualità venerdì 24 aprile 2015 ore 12:18

Interrogazione dei senatori 5 Stelle su Cevital

12 senatori del gruppo Movimento 5 Stelle al Senato hanno presentato un'interrogazione per conoscere l'accordo del Ministero con Cevital



PIOMBINO — Il caso Cevital arriva in Parlamento. L'accordo firmato al Ministero con i dirigenti delle nuove acciaierie Lucchini è infatti l'oggetto di un'interrogazione parlamentare che i senatori del Movimento 5 Stelle hanno presentato questa mattina.

Gli onorevoli Paglini, Puglia, Catalfo, Fucksia, Bottici, Serra Nugnes, Martelli, Moronese, Santangelo, Airola e Cioffi si sono rivolti al Ministro per lo sviluppo economico Federica Guidi "per estrarre copia degli atti riguardanti l'accordo Cevital, relativo al futuro delle ex acciaierie Lucchini di Piombino".

I pentastellati fanno riferimento ad un precedente tentativo di accedere agli atti che tuttavia non ha trovato risposte dal personale del ministero e solo il 26 Marzo "è stato risposto per iscritto che la richiesta di accesso agli atti relativi all'accordo Cevital non può essere accolta".

"Considerato che, a quanto risulta agli interroganti - scrivono ancora i senatori - il citato accordo è stato definito dal Governo come la soluzione che avrebbe rilanciato l'area industriale di Piombino dopo la chiusura dell'altoforno; l'accordo, firmato tra il presidente della società Cevital, signor Issad Rebrab, e il commissario straordinario dell'acciaieria di Piombino, signor Piero Nardi, presso la Presidenza del Consiglio dei ministri alla presenza del premier, del Ministro dello sviluppo economico, del presidente della Regione Toscana e del sindaco di Piombino ha avuto una grande rilevanza mediatica.

Gli eventi successivi all'accordo smentiscono evidentemente le dichiarazioni fatte dagli esponenti del Governo a seguito dell'accordo stipulato con Cevital; se effettivamente tale accordo è stato risolutivo, non si comprende quale sia il motivo per cui dopo quasi 5 mesi l'altoforno è ancora spento e perché non si siano ancora concretizzate positive prospettive occupazionali per i lavoratori, né siano state intraprese concrete iniziative di sviluppo dell'area attraverso un chiaro piano industriale;

Se effettivamente tale accordo è così vantaggioso per la collettività e per il futuro dei lavoratori, si rilevano circostanze di cui è difficile dare una spiegazione, sia per quanto riguarda le omissioni del Ministero che gli ostacoli frapposti al pieno accesso agli atti che compongono l'accordo,si chiede di sapere: se il Ministro in indirizzo intenda trasmettere alle Commissioni parlamentari competenti la documentazione relativa all'accordo; quale sia la posizione del Governo sul futuro industriale dell'area di Piombino"

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

CORONAVIRUS

Politica