Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:40 METEO:PIOMBINO11°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 01 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'ultima gara di Federica Pellegrini: primo posto con standing ovation e tuffo con il presidente Malagò

Attualità martedì 19 ottobre 2021 ore 15:01

Infortuni sul lavoro, "un numero preoccupante"

Operai (Foto di repertorio)

A dirlo è la direttrice del dipartimento di prevenzione dell'Ausl Toscana nord ovest Roberta Consigli in base ai dati dei primi 9 mesi del 2021



LIVORNO — L’Area Funzionale Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro della Asl Toscana nord ovest ha reso pubblico il report dei primi 9 mesi dell’anno relativo agli infortuni sul lavoro nel territorio aziendale.

“Purtroppo gli infortuni sul lavoro continuano ad essere un numero preoccupante – ha affermato Roberta Consigli, direttrice del dipartimento di prevenzione della Asl – per questo ho ritenuto opportuno condividere con i colleghi l’analisi dei dati per mettere in atto ulteriori azioni di prevenzione oltre a quelle già in essere. Nel mese di Settembre abbiamo registrato un picco di infortuni mortali e nell’arco dell’anno si sono verificati anche molti infortuni gravi con prognosi superiore a 30-40 giorni e con gravi postumi permanenti quali ad esempio amputazioni delle dita delle mani. Questa situazione – ha spiegato Roberta Consigli - non è esclusiva del nostro territorio, né della Toscana, ma condivisa a livello nazionale ed europeo”.

Dal 1 Gennaio al 30 Settembre gli infortuni mortali sono stati 13: 4 nella Piana di Lucca, 1 in Valle del Serchio, 1 nella zona delle Apuane, 1 in Versilia, 2 nella zona Livornese, 2 in Valdera – Alta val di Cecina, 1 nella zona Pisana e 1 in Val di Cornia.

Gli infortuni, compresi quelli in itinere e stradali, sono stati 9.402, di cui 828 con prognosi maggiore di 30/40 giorni: 37 in Lunigiana; 97 nelle Apuane, 28 nella Valle del Serchio; 125 nella Piana di Lucca; 92 in Versilia; 108 nella zona Pisana; 71 nella zona Valdera - Alta Val di Cecina; 106 nelle Valli Etrusche; 152 nella zona Livornese e 12 all’Elba.

“Come emerge dai dati il fenomeno infortunistico continua ad essere troppo esteso nonostante da anni vengano effettuati numerosi controlli periodici e siano attivi piani mirati promossi e sostenuti dalla Regione Toscana, destinati a specifici comparti produttivi, senza dimenticare le malattie professionali, che fanno meno scalpore ma non meno danni alla salute dei lavoratori. – ha osservato la direttrice del dipartimento di prevenzione – Rimango del parere che in particolare nei settori più a rischio come l’agricoltura, le costruzioni, il porto e la cantieristica navale, l’estrattivo e lapideo, oltre ai controlli debbano essere rafforzati gli strumenti a nostra disposizione. Mi riferisco alla formazione, a campagne di comunicazione indirizzate ad aumentare la percezione del rischio nei lavoratori e nelle imprese; al consolidamento del coordinamento degli Enti di controllo favorendo protocolli d’intesa con le forze sociali, ciò ci permetterebbe di migliorare la promozione delle buone prassi e accrescere la cultura della sicurezza, specialmente nelle piccole e piccolissime imprese che costituiscono tanta parte del tessuto produttivo della nostra regione”.

“Infine - ha concluso - vorrei sottolineare l’importanza che hanno i servizi di prevenzione dell’Asl che grazie alla loro esperienza e all’approccio multidisciplinare, sono in grado di mettere in campo un ampio ventaglio di competenze adeguato ad aggredire fenomeni complessi e correlati ad una molteplicità di cause”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Piombino-Livorno in campo dopo 66 anni. La partita è iniziata in ritardo perché gli ultras livornesi fanno il tiro al bersaglio sul terreno di gioco
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS