Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:12 METEO:PIOMBINO24°34°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 24 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Le fiamme avvolgono i boschi intorno a Vieste
Le fiamme avvolgono i boschi intorno a Vieste

Attualità lunedì 11 marzo 2024 ore 15:59

Alluvione, in arrivo i rimborsi per i cittadini

La Regione Toscana fa sapere che sono in partenza i bonifici. I cittadini possono controllare sul web tramite il numero di protocollo



PROVINCIA DI LIVORNO — Sono in partenza i bonifici della Regione Toscana destinati ai cittadini colpiti dall’alluvione del 2 Novembre scorso. 

Come si legge in una nota della Regione Toscana, si tratta di un primo contributo, che non esaurisce l’iter dei rimborsi e che potrà sommarsi a ulteriori somme che nel corso dei prossimi mesi verranno messe a disposizione da Stato e Regione.

“Siamo stati fin da subito al fianco delle popolazioni colpite dalla tremenda alluvione di novembre – ha spiegato il presidente Eugenio Giani - . Per questo ho previsto nel censimento danni, anche ulteriori rimborsi per beni mobili, che non sono coperti dalle procedure a livello nazionale e per i quali abbiamo stanziato 25 milioni di euro con la legge approvata in Consiglio Regionale a dicembre. Lo avevo promesso e lo realizziamo velocizzando il più possibile le procedure, non con le parole ma coi fatti, in questo caso i bonifici della Regione Toscana che sono già in partenza per un primo contributo direttamente con risorse regionali. Siamo la Toscana, una comunità forte e solidale sempre.”


Per verificare l'erogazione è possibile controllare gli atti della Giunta attraverso il portale web dedicato “Emergenza alluvione 2023” del sito della Regione Toscana. Basta avere il numero di protocollo della domanda (recuperabile tramite la pagina web dei “Formulari RT” controllando nuovamente la domanda).


“Grazie alle risorse stanziate dalla Regione - ha aggiunto l’assessora alla Protezione civile Monia Monni-, siamo in grado di liquidare un primo ristoro alle famiglie colpite dall’alluvione con un contributo fino 3mila euro. Questo contributo permetterà di coprire le spese per l’acquisto o la riparazioni di beni non rendicontatili al dipartimento di protezione civile nazionali, quali veicoli, motoveicoli o mobili di casa, compresi quelli che sono esclusi dall’emergenza nazionale. Attendiamo le risorse nazionali per poter erogare anche l’immediato sostegno, ma siamo già in grado di liquidare il Cas, Contributo autonomo sostegno, per coloro che hanno dovuto abbandonare la propria abitazione a seguito dell’alluvione. Mentre attendiamo di capire i tempi del Governo in merito ai ristori, ci è sembrato importante dare un segno immediato di vicinanza e sostegno alle famiglie”.


È possibile anche controllare il proprio estratto conto, e una volta constatato l’effettivo accredito del bonifico, effettuare la spesa prevista (se non è stata già fatta), e conservare per tre anni le attestazioni di spesa per un eventuale successivo controllo (le delibere attuative della LR 51/2023 prevedono infatti la possibilità di controlli a campione).

In caso fossero necessarie integrazioni, arriverà una comunicazione per chiedere le ultime informazioni o per comunicare il buon esito della procedura e l’avvenuta erogazione sul conto del contributo messo a disposizione dalla Regione Toscana.Per dubbi e informazioni scrivere a emergenzatoscana2023@regione.toscana.it.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Era una persona molto conosciuta ed era stato dipendente del Comune di San Vincenzo. Il cordoglio dall'amministrazione comunale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Pierantonio Pardi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Cronaca

Attualità