Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO16°18°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 09 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Treviso, incidente deltaplano: il video della tragedia

Politica domenica 17 aprile 2016 ore 14:43

Di quale 398 stiamo parlando?

Riccardo Gelichi

Gelichi (Ascolta Piombino): "Forse a qualcuno è sfuggito, ma il tracciato è cambiato, almeno quello del secondo lotto"



PIOMBINO — E’ fissato per il 20 aprile l’incontro al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per discutere della bretella alla 398. "Ma di quale stiamo parlando?", si domanda Riccardo Gelichi della lista civica Ascolta Piombino. 

"Forse a qualcuno è sfuggito, ma il tracciato è cambiato, almeno quello del secondo lotto. Dal Gagno infatti, con il secondo lotto, per cui Aferpi è disponibile all’accoglimento, non si passa all’interno delle future aree agroindustriali, ma si corre parallelamente a viale della Resistenza, passando da fantomatiche aree filtro a vocazione commerciale e ex città futura, fino a tornare alla rotatoria di via Pisa e via Portovecchio. - puntualizza il portavoce di Ascolta Piombino - Un nuovo asse di penetrazione invece, si prevede a termine del primo lotto della 398, che arriva al nuovo molo. Resta comunque la nuova viabilità interna ad Aferpi, attualmente utilizzata per movimentare i lavori portuali, che uscendo da Ischia di Crociano si collega all’attuale esistente 398". 

"Ipotizzando che grande parte delle nuove superfici portuali saranno di Piombino Logistics, - continua Gelichi - è plausibile che utilizzando i tracciati esistenti interni, per Cevital la 398 non sia proprio una priorità; ma come vediamo dalle carte, qualcosa da far circumnavigare intorno al proprio perimetro".

Per Riccardo Gelichi c'è ancora molto da discutere, da rendicontare i soldi spesi per i lavori portuali. "Gli unici soldi regionali e governativi spesi su questo territorio sono quelli per cui si è indebitato il comune di Piombino e per i quali oggi non si riesce nemmeno a tappare le buche, fanno eccezione le frane, ma anche quelle in ritardo perché si doveva abbellire Piazza Bovio, che poi, 2,5 milioni, io non ce li vedo", conclude.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Presentato un ordine del giorno per chiedere al Comune di prendere una posizione contro questa ipotesi nelle campagne del borgo
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Politica

Attualità