Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:55 METEO:PIOMBINO24°27°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 28 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Unione europea, perché l'unanimità non funziona: la strategia del ricatto

Cultura lunedì 02 marzo 2020 ore 17:11

Al via le iniziative dedicate a Elisa Baciocchi

In occasione del duecentesimo anniversario della morte della principessa Baciocchi, il Comune di Piombino ricorda gli anni del Principato



PIOMBINO — Si terrà venerdì 6 Marzo il primo appuntamento dell'ambito delle iniziative dedicate al duecentesimo anniversario della scomparsa di Elisa Bonaparte Baciocchi, sorella di Napoleone, avvenuta il 7 agosto 1820 a Trieste.

“Elisa, una donna al governo in un'epoca di trasformazioni” il titolo della conferenza che si svolgerà alle ore 17 presso la sala del museo archeologico di Cittadella.

All’iniziativa partecipano il sindaco Francesco Ferrari e l’assessore alla cultura Giuliano Parodi, Marco Paperini, Public Historian e direttore scientifico del Centro studi Città e Territorio, Valerio Perna, docente di Relazioni internazionali (Università di Udine), giornalista pubblicista, fondatore del Centro Studi per il territorio. 

Si ricorda che nove anni di governo francese a Piombino furono molto importanti e significativi per la storia del territorio. In questo decennio, grazie alle opere di modernizzazione avviate da Elisa, il principato conobbe un grande cambiamento. Mutarono le dinamiche sociali, si formò una borghesia imprenditoriale che produsse il rinnovamento generale della città capitale, delle altre comunità del Principato, la bonifica del territorio, l’inizio dei grandi lavori di viabilità. Furono sperimentate, con l’istituzione di un nuovo ospedale, nuove cure mediche come la vaccinazione antivaiolosa e colture innovative ( vitigni pregiati, cotone, tabacco, frutti esotici per le tavole dei nuovi ricchi…), furono introdotte essenze per la cura e il miglioramento del verde urbano e dei giardini. Con la caduta di Napoleone nel 1815 e il passaggio del Principato di Piombino al Granducato di Toscana, Elisa fu esiliata nel 1818 con il marito Felice Baciocchi e i due figli (Federico e Napoleone Elisa) a Villa Vicentina. Morì a Trieste il 7 agosto 1820.

Il calendario comprende altre iniziative per tutto il 2020 (leggi qui l'articolo correlato).


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
In un primo momento erano state cancellate solo le partenze della mattinata del traghetto poi sono state soppresse anche le altre
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità