QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 10°17° 
Domani 13°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 18 novembre 2019

Attualità giovedì 21 settembre 2017 ore 18:55

Aperti al pubblico i giardini dell'area ex Carsal

Il nuovo giardino

Ecco il nuovo giardinetto di via Gori nell'area ex Carsal. La zona di 1200 mq comprende anche 9 parcheggi. Ora, però, bisognerà pensare all'immobile



PIOMBINO — Aperti al pubblico i giardini di via Gori, nell'area ex Carsal. L'intervento per la realizzazione del giardino con annesso un piccolo parcheggio è stato realizzato restituendo al pubblico utilizzo una piccola area a verde che fino a poco tempo fa risultava esclusivamente a servizio della struttura esistente.

La zona, di circa 1200 mq, è stata pertanto riqualificata, suddividendola in due parti funzionalmente differenti: quella lato ovest, verso il piazzale Saragat di 900 mq di estensione, è stata adibita a giardino mentre quella a est, verso il cimitero, a piccolo parcheggio di 9 posti che avrà la funzione di liberare via Gori nel tratto in cui incrocia via Saragat. Il giardino ha come cardine il riutilizzo di un manufatto in muratura esistente, attorno al quale è stata realizzata una piazzetta pavimentata con betonelle di calcestruzzo.

Nella piazzetta sono state disposte delle panchine e un tavolo che possono essere utilizzati dai visitatori esterni. Dalla piazzetta partirà inoltre un camminamento fino alla parte nord del giardino. Nel giardino è stato piantumato un tappeto ad erba spontanea non irrigato e sono state messe a dimora piante ed essenze in modo da assicurare una buona ombreggiatura durante l'estate.

Gli interventi sono stati realizzati dalla ditta Mannari (con sede in Venturina) per quanto concerne i lavori inerenti la realizzazione delle opere murarie e stradali, mentre le opere a verde sono state realizzate dalla Cooperativa Sociale Giovanile di Lavoro di Piombino.
All'interno del giardino sono presenti alcuni arredi urbani realizzati in plastica riciclata forniti dalla ditta Badeko di San Miniato. Per l'intera opera sono stati spesi circa 36mila euro.

Dopo questo passaggio l'idea del Comune è quella di avere il complesso vuoto per avviare una riconversione dell'immobile a uso sociale. Negli ultimi quattro anni la struttura è stata utilizzata dall'Amministrazione come luogo di accoglienza delle famiglie in emergenza abitativa.



Tag

Maltempo, il Sieve esonda a Pontassieve: strade allagate e auto sommerse

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità