QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 11°16° 
Domani 12°17° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 15 novembre 2019

Lavoro martedì 05 novembre 2019 ore 16:36

Area crisi complessa, ammortizzatori in scadenza

Foto di archivio

A segnalarlo è Art. 1 - Camping Cig che tiene accesi i riflettori sulle sorti delle aziende dell'indotto in nome della solidarietà operaia



PIOMBINO — "A novembre a Piombino l’autunno potrebbe essere tragico", è l'associazione Art. 1 - Camping Cig a tenere accesi i riflettori su alcune aziende del territorio per le quali stanno per scadere gli ammortizzatori sociali previsti per le aree di crisi complessa. Il Camping Cig si riferisce a Bertocci srl, Bertocci Montaggi e la Ferrari, "inoltre - hanno aggiunto - la Due Emme è ancora in esercizio provvisorio con il curatore fallimentare che sta cercando un acquirente con il quale far ripartire l’azienda con circa 50 lavoratori coinvolti".

"Ferrari ha appena richiesto in Regione Toscana la prosecuzione della cassa integrazione che dovrà poi essere approvata ai ministeri competenti per l’approvazione mettendo temporaneamente in sicurezza circa 20 lavoratori. - hanno spiegato in una nota - Venendo alle due aziende del gruppo Bertocci ad oggi, nonostante la disponibilità delle istituzioni regionali e gli inviti delle Organizzazioni Sindacali ad utilizzare gli ammortizzatori sociali a disposizione, l’azienda è ancora ferma alla richiesta di uscite volontarie incentivate (stimate in 20) ed in assenza di queste dichiarandosi pronta alla richiesta di licenziamenti collettivi".

"Vogliamo far sapere che, in nome della solidarietà operaia, il Camping Cig è vicino a tutti i lavoratori e lavoratrici dell’indotto siderurgico e degli altri settori colpiti dalla crisi e ci dichiariamo pronti a supportarli nelle eventuali manifestazioni di lotta che vorranno intraprendere per la difesa del loro posto di lavoro ed anche perché il nostro territorio non potrebbe sopportare un’altra mazzata occupazionale", hanno concluso dal Camping Cig ribadendo che "il problema dell’indotto piombinese delle acciaierie andava tenuto legato sin da subito a quello della casa madre e che è necessario generalizzare e unificare le vertenze: a livello nazionale per il settore siderurgico (un piano nazionale per difendere il nostro acciaio, sia a Taranto che a Piombino); a livello locale con tutte le realtà in crisi, per un piano zonale di rilancio dell’occupazione nell’area di crisi complessa, con un corposo intervento pubblico".



Tag

Venezia sott'acqua, la peggiore marea degli ultimi 50 anni: le immagini dall'elicottero

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità