QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 25°30° 
Domani 24°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 21 luglio 2019

Lavoro lunedì 24 giugno 2019 ore 18:24

"Difficoltà oggettive", Asl pronta a un confronto

L'Azienda Nord Ovest si è detta disponibile a incontrare i sindacati dopo la proclamazione dello stato di agitazione per la carenza di personale



PIOMBINO — In merito alla questione del personale sollevata dai sindacati, l’Azienda Usl Toscana nord ovest si è detta disponibile a un confronto. Nei giorni scorsi, infatti, Cgil, Cisl, Uil Fpl, Fials, Nursind e le Rsu hanno indetto lo stato di agitazione per le gravi criticità derivanti dalla carenza di personale in tutti i servizi (leggi qui l'articolo correlato).

Come spiegato in una nota dell'Azienda, rispetto al 31 Dicembre 2018 sono in servizio 83 infermieri e operatori socio sanitari in più, considerata la necessità di coprire le uscite previste per la quota 100, il relativo smaltimento delle ferie e l’aumento delle assenze lunghe e delle richieste di aspettativa. L'Azienda si è detta comunque consapevole che sono presenti delle difficoltà oggettive e, per questo, "disponibile fin da subito ad un incontro con le organizzazioni sindacali, con la finalità di adottare soluzioni condivise, anche al fine di un sempre più omogeneo ed efficiente utilizzo delle risorse".

"Per quanto riguarda poi la questione dei pagamenti agli infermieri che operano nei servizi di emergenza territoriale del 118, - ha aggiunto - l’Azienda conferma che i fondi per gli incentivi regionali (360mila euro) né sono spariti né sono stati consegnati ad altri. Gli importi, infatti, sono stati stanziati e l’Azienda ha sottoposto alle organizzazioni sindacali un accordo sulle modalità di distribuzione che è stato condiviso, a cui è seguita una richiesta degli elenchi del personale beneficiario al fine di una verifica puntuale. Sono state quindi effettuate alcune integrazioni sui nominativi e nel mese di Luglio, come previsto nell’accordo con i sindacati, andranno in pagamento i compensi relativi al 2016 e 2017, mentre a Settembre verranno erogati gli arretrati a partire dal 2009 I tempi lunghi dell’operazione - hanno spiegato dall'Azienda - sono legati proprio alla necessità di un controllo e di una revisione degli elenchi, anche in base alla turnistica, con l’obiettivo di arrivare a inserire tutti gli operatori che negli anni hanno prestato la propria attività nel servizio di emergenza territoriale".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Politica

Cronaca