Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:27 METEO:PIOMBINO11°15°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 28 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Devastanti incendi in Texas: chiuso l’impianto di armi nucleari vicino ad Amarillo

Sport lunedì 09 ottobre 2023 ore 09:38

Piombino batte Urbino Taccola negli ultimi minuti

Foto di Riccardo Marchionni

​Il grande cuore del Piombino. Battuto l’Urbino Taccola negli ultimi minuti 2-0. Il commento di Gordiano Lupi



PIOMBINO — Giornata estiva al Magona, per fortuna rinfrescata da un vento di maestrale che fa respirare, spettatori in buon numero, tifo caldo e appassionato dei pochi ultras (che si fanno sentire), sempre molto corretti e vicini alla squadra, cosa importante per sostenere i ragazzi in campo reduci da tre sconfitte consecutive. Contava solo vincere, non serviva giocare bene; il Piombino ha vinto, quindi onore al Piombino, che si è battuto, ha lottato e nei minuti finali è andato a segno per ben due volte, prima con Mori (che si è sbloccato), quindi con Papa (che è tornato al gol dopo un lungo digiuno). Tutti segnali positivi, il bel gioco verrà, per il momento incameriamo i tre punti, che servono come il pane e permettono di abbandonare lo scomodo ultimo posto in classifica.

Brontolone schiera la miglior formazione possibile e per fortuna ancora una volta giochiamo in nerazzurro: Cappellini tra i pali, Castellazzi e Barchi terzini di fascia, Martelli e Fatticcioni centrali, Talocchini mediano di spinta, Lepri e Bulli a centrocampo, Gentili e Mori attaccanti laterali, Paini centravanti. I giovani non tradiscono la fiducia del mister, perché sia Talocchini che Gentili si danno un gran da fare e alla fine risultano tra i migliori in campo. La difesa fa il suo dovere, ben registrata attorno all’esperto Fatticcioni, con un Martelli marcatore impalcabile e un ottimo Castellazzi; Barchi è sacrificato nel ruolo di terzino, lo sappiamo bene, ma è il solo centrocampista a saper giocare in fase di copertura, quindi il suo impiego difensivo è per Brontolone quasi obbligato. Lepri e Bulli potrebbero fare meglio, siamo sicuri che cresceranno, in ogni caso danno un buon apporto alla costruzione del gioco in fase offensiva. Paini corre molto e lotta con tenacia su ogni pallone ma non è nel suo miglior momento di forma; quando entra Papa fa valere la maggior esperienza e segna pure il gol della sicurezza, nei minuti di recupero, sbloccando un lungo digiuno in gare ufficiali. Mori non sembra ancora al meglio della condizione, ma segna un gol importantissimo, soprattutto uno dei suoi gol per i quali lo abbiamo sempre elogiato nello scorso campionato, al 42’ del secondo tempo, con un diagonale secco e preciso che s’insacca a fil di palo, alla sinistra del portiere ospite. Cappellini fa la sua parte tra i pali con un paio di buoni interventi per scongiurare alcuni pericoli creati dall’attacco ospite.

La cronaca del primo tempo è scarna, solo timore reciproco e poche occasioni: un inutile gol in fuori gioco segnato dagli ospiti, giustamente annullato dall’ottimo signor Bonamici di Grosseto, un tiro cross di Mori (12’), un paio di punizioni calciate dallo stesso Mori (10’ e 33’), un tiro di Gentili parato (13’), una buona azione in velocità Paini - Mori (3’), un bello scambio Gentili - Paini (43’), in ogni caso niente di fatto. L’Urbino Taccola risponde con un tiro al volo di Pacciani che fa la barba al palo (20’), quindi lo stesso Pacciani si produce in un insidioso tiro in porta parato dal bravo Cappellini (35’). Il primo tempo si chiude con un giusto zero a zero e due ammonizioni: Paini per il Piombino e Pacciani (buona la sua gara) per gli ospiti. Nel secondo tempo sfiora il gol l’Urbino Taccola dopo 7 minuti con Nassi, che non azzecca la correzione in porta, quindi un punizione dal limite calciata da Taglioli (costa l’ammonizione a Martelli) finisce alta sulla traversa. Primo cambio per gli ospiti all’8’: esce Bertolini ed entra Baldini. Il Piombino fa capolino fuori dal guscio e ci prova con un tiro cross di Paini (15’), quindi con un tiro di Lepri (16’), entrambi fuori misura. Altro cambio per gli ospiti, che pressano e provano a vincere: al 20’ Desideri rileva Pacciani (incomprensibile, era tra i migliori). Brontolone tenta la carta Papa al 21’ e fa uscire Paini, stanco e ammonito, quindi a rischio espulsione. Pare non cambiare molto, ma si avvicina il finale thriller, il fattore imponderabile per cui il calcio è il gioco più bello del mondo. Nuova sostituzione per gli ospiti al 40’ (Salvadori per Romeo), solo per perdere tempo, nuovo tiro cross di Lepri, infine entra Biondi (41’) a rilevare un infortunato Bulli.

Quando la partita sembra avviarsi alla conclusione, la fortuna aiuta gli audaci che questa volta si chiamano Piombino, una squadra di ragazzi mai doma e tutta cuore, perché un lancio calibrato sulla fascia sinistra del campo pesca Mori in azione, il centravanti si ricorda di essere il bomber dello scorso anno, fa fuori l’avversario, si dirige verso la porta difesa da Bulleri e lo fredda con la classe di un attaccante di vaglia. Brontolone (entusiasta dei suoi ragazzi) prende tempo, fa entrare Lunghi al posto di Mori (ammonito perché si toglie la maglia ed esulta), e manco a farlo apposta è proprio dal piede del nuovo entrato che parte la palla giusta per Papa, che al 47’ segna il gol della sicurezza esultando come nei bei tempi passati. Ammonito anche Papa perché si toglie la maglia e si dirige verso la gradinata (dove ci sono gli ultras) a ricevere i meritati applausi. Finale convulso ma corretto, con un Uliveto leale e sportivo, che combatte ma viene trafitto da due guizzi dell’attacco nerazzurro, finalmente a segno. Festa in gradinata, anche il vostro cronista ha passato il secondo tempo in mezzo agli ultras, incitando a più non posso, applaudendo la vittoria finale, arrivata solo per la grande voglia di crederci fino in fondo. Adesso il Piombino (3 punti) ha dietro di sé Picchi Livorno (ancora zero punti) e Castiglioncello (un punto), insieme a 3 punti ci sono Porta Romana, Sant’Andrea e San Miniato. Domenica trasferta insidiosa in Maremma, contro i coinquilini del Sant’Andrea, con l’imperativo categorico di metterci lo stesso cuore e (magari) di aggiungere come condimento un pizzico di buon gioco. Sempre Avanti Nerazzurri! Noi ci saremo…

TABELLINO

Atletico Piombino: Cappellini (7), Castellazzi (7), Barchi (7), Talocchini (7), Martelli (7), Fatticcioni (7), Gentili (7), Lepri (6), Paini (6) (dal 21’ 2t Papa - 8), Bulli (6) (dal 41’ Biondi - ng), Mori (8) (dal 44’ 2t Lunghi - ng). A disposizione: Rossi, Degregorio, Gazzanelli, Bartoli, Nicolas Aguedo, Diagne. All. Brontolone (8).

Urbino Taccola: Bulleri (6), Cavallini (6), Romeo (6) (dal 40’ 2t Salvadori - ng), Castellacci (6), Anichini (5), Laniyonu (7), Taglioli (7), Pacciani (8) (dal 20’ 2 t Desideri - 6), Nassi (6), Bertolini (6) (dal 8’ 2t Baldini - 6) , Rossi (6). A disposizione: Mani, Franchi, Oshadogan, Benvenuti, Cioni. All. R. Taccola (5)

Arbitro: Bonamici di Grosseto (8)

Assistenti: Puccini di Pontedera (7), Bua di Pontedera (6)

Reti: 42’ 2t Mori, 47’ 2t Papa.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno