Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO10°15°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 06 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, Achille Lauro vestito da sposa bacia Boss Doms e duetta con Fiorello

Politica mercoledì 27 gennaio 2021 ore 10:24

​Buoni spesa, per A Sinistra fare di più e meglio

L'associazione propone un tavolo che metta insieme i soggetti che affrontano tutti i giorni i problemi legati al sostegno delle persone più fragili



PIOMBINO — “Siamo sinceri, al nuovo Comune di Piombino, evidentemente, i poveri non piacciono. Non a caso è aumentata la Tari per i nuclei più numerosi. I poveri no, ma i soldi si", così ha esordito l'associazione A Sinistra ponendo dei forti dubbi sulla modalità di assegnazione dei buoni spesa nell'ambito dell'emergenza Covid-19.

"Il governo ha assegnato a Dicembre fondi all'Amministrazione per erogare, dopo quella di Aprile 2020, una seconda tranche di aiuti per la protezione dei cittadini colpiti dalla grave crisi economica innescata dall’epidemia. Oggi, come allora, si tratta di una cifra di quasi 200mila euro. Una cifra non stratosferica, ma i buoni distribuiti a Piombino hanno il valore più basso rispetto a tante altre realtà del Paese, Sud compreso. - ha spiegato l'associazione - Un triste record. Il Comune decise ad Aprile di rispondere a 713 domande con un primo bando, distribuendo buoni di 50 euro a testa sino ad un massimo di 200 per le famiglie più numerose. Si decise evidentemente di optare per risparmiare al massimo, per poi fare un secondo bando, della stessa entità, destinato a chi non aveva fatto richiesta la prima volta, a cui risposero in altri 800. Poiché neanche con questo secondo bando fu usata tutta la somma disponibile, i resti vennero assegnati ad un'associazione caritativa, scelta a discrezione del Comune. Un procedimento bizzarro, con un carico inutile di lavoro per gli uffici addetti. C'è da dubitare che tutta questa macchinosità abbia risolto i problemi dei veri bisognosi della città, limitandosi ad una pura e semplice elemosina. Avevamo subito denunciato queste anomalie in primavera senza essere ascoltati".

"Da sottolineare che a Dicembre, oltretutto, dopo controlli a campione da parte della Guardia di Finanza, pare siano stati appurati circa una ventina di casi di falsi percettori di buoni spesa. - hanno ricordato dall'associazione - Dopo la gestione molto discutibile, se non vergognosa, di questa prima tranche, siamo nuovamente al ridicolo. Bando a metà Dicembre, domande accolte 263, da notare l’abissale riduzione rispetto all’altra volta: che fine hanno fatto i poveri? Disinformati? Scoraggiati? cifra assegnata procapite ancora 50 euro, spesi solo 29.500 euro. Ed il resto? Faranno un nuovo bando, per scoprire, dopo, che non tutti i beneficiari ne avevano diritto? Distribuiranno la cifra restante a loro discrezione, ignorando le competenze di coloro che in città operano per aiutare a superare le difficoltà di chi si trova a vivere situazioni economiche complicate?".

"Se questo può essere tollerato da forze politiche quali Fratelli d'Italia o Lega, risulta incomprensibile il silenzio, se non la complicità, di chi, nell'attuale maggioranza, si dichiara di sinistra o di altri che, come si legge in una nota di Fi-Udc-Civici popolari liberali, vogliono 'stimolare un'azione politica che si focalizzi sulla centralità dell'uomo'", hanno commentato.

L'associazione A Sinistra allora torna a chiedere la costituzione di un tavolo che metta insieme tutti i soggetti impegnati nell'aiuto delle persone più fragili.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

CORONAVIRUS

Attualità