Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:58 METEO:PIOMBINO12°14°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 04 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
L'accorato appello di Ornela: «Contratti di lavoro da 750 euro? Uno schiaffo. Smettiamo di accettare paghe da fame»

RIGASSIFICATORE venerdì 11 novembre 2022 ore 14:57

Cantiere Snam, lente Wwf sull’oasi Orti Bottagone

Il delegato Wwf Italia per la Toscana ha evidenziato una serie di criticità legate anche alle opere preliminari all’arrivo del rigassificatore



PIOMBINO — Il rigassificatore nel Porto di Piombino è da mesi al centro del dibattito locale e nazionale. Al di là delle valutazioni sulle strategie energetiche sottese a tale scelta, il Wwf è molto preoccupato degli impatti ambientali che le opere a terra necessarie per il rigassificatore potranno avere sull’area naturalistica.

“In più occasioni il Wwf Italia, anche attraverso osservazioni in fase di Valutazione di Incidenza Ambientale, ha evidenziato le problematiche legate agli impatti delle opere a terra del rigassificatore rispetto al sito Padule Orti-Bottagone classificato come Zona Speciale di Conservazione nonché Zona di Protezione Speciale della Rete Natura 2000 dall’Unione Europea, oltre ad essere stato designato come Important Bird Area e candidato a diventare zona Ramsar. - hanno spiegato in una nota - Il sito si sovrappone in buona parte alla Riserva Naturale Regionale Padule Orti-Bottagone e rientra nella rete delle Oasi Wwf in base ad un accordo per attività di gestione e conservazione della biodiversità sottoscritto dal Wwf e dalla Regione Toscana. Qualsiasi intervento sul sito merita pertanto la massima cautela al fine di rispettare i valori di biodiversità che esso contiene e gli impegni assunti al riguardo dall’Italia a livello europeo ed internazionale”.

“L’importanza del sito richiede quindi una grande attenzione nel valutare gli impatti delle opere di messa a terra che verrebbero posizionate a circa 300 metri dall’area protetta. - hanno spiegato - Un’attenzione che, purtroppo, non si è riscontrata nella fase dello Studio di Incidenza Ambientale dove sono riportati dati tratti da studi anche di oltre dieci anni fa, tanto che tra quelle prese in considerazione mancano specie rarissime in Italia come il falco pescatore, più volte documentato come nidificante nel sito, o strettamente protette come il lupo. Lacune non giustificabili considerato che è in fase di approvazione un Piano di gestione della Riserva con dati aggiornati. Non sono stati poi adeguatamente valutati i possibili effetti sulla fauna, neppure per le specie prioritarie, a causa del passaggio di veicoli e mezzi meccanici durante la fase di cantiere. Sempre in fase di cantiere, poi, la ricaduta di polveri rilasciate in atmosfera potrebbe alterare in maniera significativa, per quanto temporanea, la qualità delle acque del Padule (come nel caso del Fosso Cosimo e fossi afferenti al Padule) perché gli accorgimenti suggeriti per evitare tale pericolo non sono obbligatori durante tutte le lavorazioni di scavo e movimentazione del tracciato. Poco approfondita è stata poi l’analisi dell’attraversamento di almeno due corsi d’acqua presenti nel sito, come il Fosso Cosimo e il Fiume Cornia, sebbene la gestione dei livelli idrici sia la principale criticità indicata nella stessa relazione ambientale dei proponenti. Non si può così escludere che gli interventi proposti finiscano per intaccare le falde che alimentano i pozzali della parte est degli Orti e quelli dentro il Bottagone, indispensabili per mantenere la presenza dell’acqua in palude quando il Fosso Cosimo non riesce a far risalire l’acqua dal mare per mancanza di vento di scirocco o a causa del frequente insabbiamento della foce. Il previsto adeguamento di due strade esistenti collocate tra il tracciato del gasdotto e il Fiume Cornia finirebbe poi per aumentare il disturbo acustico e le emissioni in atmosfera fino al margine settentrionale della Riserva. Infine non va trascurato l’effetto cumulativo di frammentazione degli habitat, in particolare per l’avifauna, causato dalla barriera (seppur parziale) rappresentata dall’ampliamento significativo delle strutture in località Vignarca per la realizzazione dell’impianto di correzione dell’indice di Wobbe”.

Le dimensioni di tale impianto a   distanza di circa 500 metri dal limite meridionale della Riserva, combinate con la presenza di altre infrastrutture di notevoli dimensioni sul lato ovest (come l’ex-centrale ENEL) o delle linee elettriche che, anche se dismesse, ancora attraversano la Riserva, possono rappresentare un ulteriore elemento di frammentazione degli habitat del sito riducendo l’accessibilità a specie anche molto mobili come i fenicotteri, con un potenziale aumento degli impatti sulle linee elettriche residue. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'iniziativa che si svolge a livello nazionale permette di prenotare un incontro con i professionisti sia a Piombino che a Portoferraio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

RIGASSIFICATORE

Sport

Attualità