Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO11°18°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 23 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Ornella Vanoni: «A Draghi dedicherei ‘Domani è un altro giorno'» e canta in diretta tv

Politica domenica 28 febbraio 2021 ore 18:50

Chiesta la rimozione dei manifesti Pro vita

Pd: "Concedere uno spazio in una città a favore del diritto all'autodeterminazione della donna è un fatto ancora più grave"



PIOMBINO — La Federazione Pd Val di Cornia Elba e il Coordinamento Partito Democratico Piombino in una nota sono intervenuti in merito alla campagna dell'associazione Pro vita e famiglia arrivata anche a Piombino.

"L'associazione Pro vita e Famiglia è celebre per aver organizzato una feroce campagna in molte realtà come Roma e Milano contro la pillola abortiva Ru486 utilizzando immagini colpevolizzanti nei confronti delle donne, comparando il diritto di abortire all'assassinio e al suicidio. - hanno ricordato - I manifesti riportavano una donna distesa per terra con occhi chiusi e la scritta: 'Prenderesti mai del veleno? Stop alla pillola abortiva RU486, mette a rischio la salute e la vita della donna e uccide il figlio nel grembo'. A Milano e Bergamo i sindaci hanno rimosso i manifesti della campagna shock e numerose proteste si sono mosse nelle altre città italiane che li hanno ospitati. Pro vita e Famiglia è un'associazione che non esprime un libero pensiero, ma un giudizio feroce su quelle donne che hanno intrapreso la decisione di abortire. - hanno sottolineato - È un attacco alla legge 194 e alla libertà delle donne di decidere individualmente e in autonomia sul proprio corpo e sulla propria vita".

"Concedere uno spazio alla campagna dell'associazione Pro vita e Famiglia non significa quindi garantire la libertà di espressione. - hanno commentato - Concedere uno spazio in un Comune come il nostro che, il 5 Febbraio 2019, ha approvato un ordine del giorno promosso da Spirito Libero, che promuoveva la piena applicazione della L. 194/78 riconoscendo Piombino città a favore del diritto all'autodeterminazione della donna è un fatto ancora più grave. - hanno sottolineato - Non si deve confondere la libertà di pensiero ed espressione con la libertà di calpestare un diritto, emettere un feroce giudizio sulla scelta di un singolo individuo e mettere in discussione la legge 194. Per questo motivo è necessario aprire una riflessione profonda e non sottovalutare il messaggio contenuto in quei manifesti. Siamo convinti che il sindaco di Piombino Francesco Ferrari, al pari di altri suoi colleghi sindaci, possa difendere la libertà delle donne e procedere immediatamente con la rimozione dei manifesti".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Da domenica 25 Aprile dall'incrocio con Viale Amendola fino a via Salivoli la strada sarà chiusa al traffico veicolare
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità