Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO11°18°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 23 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Ornella Vanoni: «A Draghi dedicherei ‘Domani è un altro giorno'» e canta in diretta tv

Attualità lunedì 05 aprile 2021 ore 09:04

Pari opportunità, "in Turchia un atto gravissimo"

Il municipio di Piombino

La Commissione Pari opportunità ha sottolineato le conseguenze dell'uscita dalla Convenzione di Istanbul invitando la politica a intervenire



PIOMBINO — Dalla Commissione Pari opportunità del Comune di Piombino una riflessione sulla decisione del presidente della Turchia Tayyip Erdogan di ritirare l'adesione alla Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica, conosciuta come convenzione di Istanbul. 

Come ricordato dalla Commissione piombinese, tale convenzione costituisce il primo strumento internazionale giuridicamente vincolante, volto a tutelare le donne contro qualsiasi forma di violenza e non solo, e anche altri soggetti, quali bambini ed anziani. Secondo Erdogan ed i conservatori la convenzione mina l'unità familiare, incoraggia il divorzio e lascia spazio alle comunità Lgbt. Al contempo il vicepresidente Oktay ha motivato il ritiro dalla convenzione "per elevare la dignità della donne turche, per rispettare le loro tradizioni e costumi, senza condizionamenti e imitazioni di esempi esterni".

"L'atto è gravissimo e conferma la linea di un paese che non rispetta le sue cittadine, lasciandole alla mercé dei propri aguzzini. - hanno commentato dalla Commissione - La documentazione ufficiale riporta 266 le donne uccise nelle loro case lo scorso anno, ma secondo le associazioni contro la violenza sarebbero almeno 170 in più.
Nel primo periodo del 2021, in Turchia, sono stati già registrati 78 femminicidi, e l'Organizzazione mondiale della sanità sostiene che almeno il 40% delle donne turche è vittima di violenze, da parte del partner, violenze che rasentano la tortura sistematica. - hanno ricordato - Le leggi a tutela delle donne in Turchia sono continuamente disattese, molte sono state annullate come quelle sugli assegni divorzili o sul diritto ad ereditare. L'età del consenso è passata da 18 a 12 anni.
Bulgaria, Repubblica Ceca, Ungheria, Lettonia, Lituania e Slovacchia, non hanno mai ratificato la Convenzione. La Polonia aveva aderito per poi ritirarsi a causa del governo conservatore. Le organizzazioni femminili turche e la Vicepresidente del Partito Repubblicano del Popolo hanno dichiarato che continueranno a battersi per i diritti di tutte e per riprendersi la Convenzione. L’Unione Europea ha protestato, invitando la Turchia a un ripensamento. Anche il presidente Joe Biden ha criticato la decisione del presidente turco". 

Per questo la Commissione Pari Opportunità del Comune di Piombino si fa portavoce dell'appello nazionale e internazionale volto alla richiesta di ripensamento e alla sollecitazione ad applicare sanzioni ed embargo nei confronti della Turchia, e, più in generale, anche degli altri paesi dell'Unione Europea, che non rispettino la Convenzione.

E hanno concluso: "Chiediamo alle donne e agli uomini della nostra comunità politica di impegnarsi per combattere questa barbarie, inoltre auspichiamo che possa essere presentata in consiglio comunale una mozione che si adoperi in tal senso e siano prese tutte le misure possibili".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Da domenica 25 Aprile dall'incrocio con Viale Amendola fino a via Salivoli la strada sarà chiusa al traffico veicolare
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS