comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO8°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 18 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Renzi: «Mi hanno offerto gli Esteri? Lei Giletti non dice quasi mai balle»

Politica lunedì 02 novembre 2020 ore 13:51

Covid-19, "il Comune potrebbe fare molto di più"

Persone con la mascherina (Foto di repertorio)

Secondo Ascolta Piombino dovrebbero arrivare test rapidi per le scuole, maggiori supporti alle attività e fondi non solo ad alcune associazioni



PIOMBINO — "Sulla situazione Covid-19 a Piombino il Comune non può permettersi di fare da spettatore limitandosi alla dichiarazione di circostanza". E' Riccardo Gelichi, portavoce di Ascolta Piombino a sottolineare come a fronte di una aumento di contagi anche nelle scuole cittadine, si dovrebbe pensare di fare qualcosa di più.

"Dove il Comune dichiara che 'Non siamo noi a poter decidere se tenere le scuole aperte', vorremo ricordargli che in caso di situazioni di emergenza sanitaria, d’igiene pubblica o di pericolo per l’ordine, sicurezza e incolumità pubblica, la chiusura delle scuole può essere disposta dal prefetto o dal sindaco. - ha ricordato Gelichi - Con questo non vogliamo per niente che si chiudano le scuole, anzi bisogna trovare il modo di supportare l’azione di controllo, ed è per questo che alcuni Comuni italiani, che vanno oltre le retoriche e banali dichiarazioni, come mezzo di prevenzione hanno acquistato un ingente numero di test rapidi per le scuole. Inoltre, i Comuni attenti, hanno dedicato risorse per la DaD, connessioni e lavagne interattive. Quello che serve è supportare la didattica a distanza, soprattutto per i non abbienti, con il rischio che i ragazzi più grandi debbano restare a casa, servirà un’infrastruttura adeguata. Potenziare le attività di screening con l’acquisto di test rapidi antigenici sarebbe di grande supporto per l’Asl con un efficace tracciamento dei positivi, attraverso i ragazzi avremmo un sistema più efficace per tutelare le famiglie e l’intera comunità". 

"Ci sarebbe da lavorare anche sul supporto alle attività commerciali costrette a chiudere, dedicandogli fondi specifici da parte del Comune, così come altre elargizioni dovrebbero andare alle associazioni di volontariato che operano prevalentemente con la Protezione Civile e alla raccolta dei rifiuti. - ha aggiunto -Tutto questo l’hanno fatto molti Comuni e siccome vediamo che quest’amministrazione non lesina fondi per le attività ludiche, le attrazioni, e per alcune associazioni culturali, pensiamo che lavorare e destinare fondi per tutto quello che ruota attorno alle problematiche Covid sul territorio sarebbe un buon gesto di lungimiranza oltre che di presenza amministrativa".



Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Attualità

Lavoro