Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO11°20°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 07 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Laura Boldrini racconta la sua malattia: «Ho scoperto per caso il tumore: è stata come un'onda anomala che mi ha travolto»

Politica sabato 27 marzo 2021 ore 10:06

"Vaccinare i parenti dei bambini fragilissimi"

Vaccino anti Covid (Foto di archivio)

La coalizione di maggioranza a Piombino criticando le modalità della campagna vaccinale in Toscana lancia un appello all'assessore Bezzini



PIOMBINO — "Bisogna immediatamente correre ai ripari riguardo alla fin qui disastrosa campagna vaccinale messa in atto dalla Regione Toscana. La divisione in categorie ha portato a inutili favoritismi e, nell'errore, a ricambiare in itinere il metodo di vaccinazione, a danno della salute e della vita dei più fragili". Così hanno esordito Forza Italia-Udc-Civici popolari liberali, la lista Ferrari sindaco, Lega e Fratelli d'Italia in merito ai ritardi in Toscana per le vaccinazioni per gli over 80 (leggi qui l'articolo collegato).

"Anche se in Toscana siamo stati i primi a vaccinare nelle Rsa, per adesso non possiamo che dare un giudizio negativo ispirato dalla insoddisfazione e dalla rabbia dei cittadini, vista la completa mancanza di organizzazione nella campagna vaccinale degli over 80, di certo non a causa dei medici di famiglia che svolgono invece un lavoro delicato e fondamentale, che ha contribuito a ridurre i danni derivanti da una gestione dilettantesca. - hanno aggiunto - E che ci siano stati errori nella campagna vaccinale toscana lo ha ammesso anche il presidente del Consiglio regionale, che però poi si è trincerato dietro la motivazione che ci troviamo nel bel mezzo della più grande e importante campagna vaccinale della storia; ma anche tutte le altre regioni vi si trovano, e nessuna ha fatto gli errori commessi dalla Regione Toscana. Noi riteniamo che dopo aver vaccinato tutte quelle categorie indispensabili per far funzionare la macchina dello Stato (medici, infermieri, OSS, forze dell’ordine, insegnanti e personale della scuola), si dovesse provvedere ad una vaccinazione di massa degli over 80 e dei pazienti fragili e fragilissimi; invece si è data la precedenza a categorie professionali che possono lavorare facilmente anche in smart working. I motivi di tale scelta andrebbero certamente approfonditi".

La coalizione di maggioranza a Piombino ha inoltre sollevato una criticità riscontrata in Toscana: "Ci preme sottolineare la situazione drammatica di tutte quelle famiglie con minori affetti da patologie gravi per cui sono stati classificati come soggetti fragilissimi; non potendo vaccinare i bambini si doveva provvedere a vaccinare i genitori, i caregiver, mentre ancora non c‘è una direttiva seria che indichi come fare. La FIMP toscana (Federazione Italiana Medici Pediatri) ha stipulato una convenzione per cui i pediatri di famiglia si sono resi disponibili a vaccinare gli adulti accudenti i bambini fragilissimi, ma ancora non sono disponibili i vaccini, non c’è una regolamentazione assicurativa, si vocifera che forse dopo Pasqua si saprà qualcosa in merito. Nel frattempo questi bambini sono esposti ad un rischio altissimo. Chiediamo all’assessore regionale alla Sanità Simone Bezzini di comunicare immediatamente le direttive che intende impartire per poter vaccinare i parenti dei bambini fragilissimi, e portare nelle loro case un pò di serenità almeno a riguardo del rischio Covid".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ai casi già noti dalla settimana scorsa, negli ultimi giorni se ne sono aggiunti altri appartenenti allo stesso focolaio
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Lavoro

Attualità