Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO16°18°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 09 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Treviso, incidente deltaplano: il video della tragedia

Attualità lunedì 08 febbraio 2021 ore 10:08

"Difendono una situazione di illegittimità"

Il Comitato Salute Pubblica ha commentato le dichiarazioni dei sindaci della Valdicornia: "Una difesa d'ufficio non richiesta"



PIOMBINO — Il Comitato Salute Pubblica non condivide la posizione dei sindaci di San Vincenzo, Campiglia Marittima, Sassetta e Castagneto Carducci in merito alla discarica Rimateria.

"La posizione espressa dai sindaci della Val di Cornia è una difesa d'ufficio, non richiesta, che non fa che ammettere le responsabilità che essi stessi si sono assunti per anni, avvallando, ci auguriamo per inconsapevolezza, una situazione il cui protrarsi è stato ritenuto dalla stessa amministrazione regionale tale da non rendere accoglibile l’istanza di Aia presentata da Rimateria. - hanno commentato - Del resto non sarebbe la prima volta che gli stessi sindaci prendono una posizione a favore del protrarsi dell’attività di Rimateria, senza nessun riguardo per una città come Piombino, che vede invece penalizzata la vita dei suoi cittadini. Come dire la solidarietà non è mai stata il loro forte".

"Ma ora, senza alcuna obiettività ed oltretutto, senza avere letto il verbale della Conferenza dei servizi che non è ancora stato pubblicato, questi rappresentanti delle istituzioni finiscono per difendere una situazione di illegittimità e di inosservanza delle prescrizioni imposte dalla Regione Toscana, che potrebbe, oltre a giustificare l’inaccoglibilità della istanza di Aia, paventare anche una sospensione dell’attività dell’azienda stessa. - hanno spiegato - Solo quando potremo leggere finalmente il verbale della Conferenza dei servizi, saranno più chiari gli scenari che si prospettano all’orizzonte. Uno tra i possibili potrebbe essere quello che il Tribunale fallimentare non conceda il concordato o che sia l’azienda a ritirarlo, decidendo i soci privati di autofinanziarsi. Il Comitato chiederà comunque che vengano fatti i carotaggi che ricordiamo il Tribunale fallimentare aveva bloccato per via del concordato stesso".

"Incolpevoli sono i lavoratori di Rimateria (al momento in stato di agitazione, ndr), - hanno concluso - vittime al pari della cittadinanza di una gestione scellerata ed oggi strumentalizzata da alcune forze politiche, da coloro che hanno la responsabilità della gestione della società e dai privati ai quali interessa solo il profitto".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Presentato un ordine del giorno per chiedere al Comune di prendere una posizione contro questa ipotesi nelle campagne del borgo
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Politica

Attualità