comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO13°15°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 22 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Lo scontro tra Gomez e Calenda a Piazzapulita: «Vuole insegnare il mestiere al Prof. Galli»

Attualità lunedì 23 novembre 2020 ore 20:09

"Impegno per attutire gli effetti della crisi"

La sala consiliare

Il consiglio comunale ha votato gli Equilibri di Bilancio 2020 e la variazione al bilancio di previsione 2020-22. Ecco tutti i dettagli



PIOMBINO — Il Consiglio comunale di Piombino ha approvato la variazione al bilancio di previsione 2020-22. Nella seduta del 23 Novembre, l’assise cittadina ha ratificato anche il mantenimento degli equilibri del bilancio 2020, nonostante un anno segnato da una forte contrazione delle entrate tributarie, extra tributarie e minori oneri di urbanizzazione per complessivi 4,6 milioni di euro e dall’incremento delle uscite correnti per oltre un milione, come hanno spiegato dal Comune.

“Nonostante una situazione così critica siamo riusciti a mettere in piedi una manovra di sostegno ai cittadini, ai privati ed alle categorie economiche per oltre 2,5 milioni di euro tra benefici sull’addizionale comunale Irpef, sulla Tari domestica e non, sulla Tosap, la Pubblicità e Segnaletica, e sui canoni di locazione. - hanno commentato il sindaco di Piombino Francesco Ferrari e l’assessore al Bilancio Paolo Ferracci - Il nostro impegno è stato maggiore proprio perché eravamo consapevoli della straordinarietà del periodo che la nostra comunità sta affrontando. Ed è per questo che il nostro sostegno è stato a 360 gradi: ad esempio, sul fronte della riscossione, la richiesta di tributi di annualità precedenti, inizialmente programmata per il 2020, è stata rinviata per 1,9 milioni di euro proprio per non gravare ulteriormente su una situazione finanziaria dei contribuenti di per sé già pesante”.

Il Comune ha fatto fronte ad un fabbisogno complessivo di 5,6 milioni di euro, facendo ricorso alla rinegoziazione dei mutui con Cassa Depositi e Prestiti e con gli Istituti di credito privati, ottenendo così un risparmio, in termini di minor rimborso quote capitale di mutui, per circa 4 milioni. Importanti anche i trasferimenti dallo Stato per l’emergenza sanitaria da Covid-19 per circa 1,4 milioni di euro. Così facendo, l’avanzo di amministrazione nel 2019 ammonta a 216mila euro. Il Comune, infine, si è fatto carico di 363 mila euro di arretrati su multe da trasferire alla Provincia di Livorno.

“Il nostro sforzo è andato però oltre: - hanno concludoso sindaco e assessore -la modifica del Regolamento dei tributi ha aperto alle maxi dilazioni sui pagamenti che, in caso di comprovata difficoltà finanziaria, possono ora arrivare sino a nove anni. Abbiamo messo in campo, oltre le nostre forze, ogni strumento utile per attutire gli effetti devastanti della crisi che la pandemia ha generato”.



Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Attualità

CORONAVIRUS