comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 19°22° 
Domani 19°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 01 giugno 2020
corriere tv
Dl Rilancio, Conte: «Eliminata la prima rata Imu per hotel e stabilimenti balneari»

Politica venerdì 06 dicembre 2019 ore 18:58

"Nessun metro cubo in più di rifiuti in discarica"

Luigi Coppola, portavoce dei gruppi di maggioranza

Lo ribadiscono le forze di maggioranza a Piombino facendo scudo attorno alla decisione del sindaco Francesco Ferrari



PIOMBINO — "Il chiaro no del sindaco Ferrari al nuovo piano industriale proposto da RiMateria è una scelta sostenuta da tutta la maggioranza che governa Piombino. Il nostro impegno di fronte agli elettori è stato chiaro, nessun metro cubo in più di rifiuti rispetto a quelli già previsti dalle autorizzazioni concesse". Lo hanno ribadito in una nota congiunta le forze di maggioranza in Consiglio comunale Fi-Udc-Civici popolari liberali, Lista Ferrari sindaco, Lega Salvini premier, Ascolta Piombino, Lavoro & Ambiente. 

"La vicenda RiMateria nasce da un buco di bilancio di Asiu fuori da ogni logica aziendale: non possiamo permettere che siano i cittadini a pagarne ancora le conseguenze in termini ambientali. Il nostro territorio ha dato fin troppo in tal senso, pagando un prezzo altissimo.  - hanno aggiunto - È il momento di voltare pagina, sia culturalmente, ma soprattutto con azioni chiare e ben definite. Il Pd continua a raccontare la favola del risanamento ambientale e dello smaltimento delle scorie siderurgiche, come se la siderurgia fosse una certezza e le bonifiche un percorso già iniziato. In realtà nessuna di queste ipotesi al momento è praticabile, e probabilmente non lo sarà ancora per altro tempo. Invece di uscire con comunicati sconclusionati, in via Marco Polo dovrebbero restare in monastico silenzio per giustificarsi con la cittadinanza per le scelte scellerate che hanno portato a questa situazione". 

"Fino ad oggi il comparto dei rifiuti è stato gestito senza controllo, basti pensare a tutte le prescrizioni non rispettate con conseguenze pesantissime per la comunità intera. - e proseguono - Rimandiamo al mittente l’accusa di voler far fallire RiMateria, in realtà quell’azienda è nata per nascondere un fallimento in atto. Noi vogliamo evitare che si continui a portare rifiuti a Piombino per esclusivo interesse imprenditoriale. Il percorso virtuoso in cui crediamo prevede la messa in sicurezza delle discariche esistenti attraverso gli strumenti che in parte abbiamo già a disposizione e con quelli che dovranno venire dalla Regione Toscana e dallo Stato".

"Abbiamo una visione a 360°, che comprende anche una nuova programmazione nella gestione della raccolta dell’ambito urbano, nonché un’ottica di risanamento che non deve passare dal conferimento di speciali che vengono da fuori. Questo è uno dei punti su cui focalizzeremo la nostra attenzione, anche a tutela dei lavoratori affinché non siano abbandonati a loro stessi ma, anzi, ricollocati così da dare loro una garanzia lavorativa", hanno concluso.

Sulla questione è intervenuto anche Fratelli d'Italia Piombino

"Solitamente si parla che i politici non rispettano i patti con i cittadini, - hanno detto - noi insieme alla coalizione che a maggio ha vinto in città avevamo promesso che niente sarebbe stato più importante della salute dei cittadini e della tutela dell'ambiente perciò è ovvio che la scelta di Ferrari a un nuovo piano industriale sia stata questa".

Smentito il fatto che il sindaco stia chiudendo l'ennesima azienda, Fratelli d'Italia fa sapere che l'Amministrazione comunale "sta già lavorando per proteggere i lavoratori di Rimateria. - e chiosano - Rimandiamo al mittente anche chi ci accusa di non voler mettere in sicurezza il territorio, tutt'altro".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità