Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO20°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 23 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Michele, il rider ferito al volto per difendere una ragazza: «Lo rifarei»

Politica venerdì 12 febbraio 2021 ore 07:45

"Servono risposte per la fabbrica e il territorio"

Riccardo Gelichi

A Riccardo Gelichi di Ascolta Piombino non sono bastate le recenti dichiarazioni del sindaco Ferrari che ha anticipato alcuni contenuti del piano Jsw



PIOMBINO — "Il comunicato del sindaco che parla del piano industriale di Jsw è semplicemente sconcertante. Intanto parla di un piano industriale che si presume abbia visto solo lui, si ha la sensazione di una prima giornalistica di un opinionista, più che a considerazioni tecniche e politiche". Parole del portavoce di Ascolta Piombino Riccardo Gelichi rispetto alle recenti dichiarazioni del sindaco Francesco Ferrari in merito alla bozza del piano industriale Jsw che il primo cittadino ha potuto visionare (leggi qui l'articolo  collegato).

"Altra cosa poco convincente - ha aggiunto Gelichi - è che all’ormai auspicabile intervento statale, non ci sia più una strategia congiunta Comune e sindacati, stiamo parlando delle persone del nostro territorio. Altro aspetto che non convince per niente è questo sbandierato Patto per Piombino, di cui non si conosce nulla se non alcune declamazioni di principio, che se pur condivisibili, non hanno riscontri oggettivi e neppure un progetto di fattibilità; insomma ci sembra poco utile parlare di verdi praterie senza dire come ci si arriva". 

"Un dialogo con Jindal sarebbe stato utile da subito, - ha proseguito Gelichi - ma non ci risulta abbia mai avuto una continuità, si è preferita la strada delle prese di posizione, delle opinioni, invece c’era un gran bisogno di costruire un rapporto e finalità comuni, proprio se si volesse andare verso una progressiva rigenerazione urbana. Vogliamo ricordare che a poche centinaia di metri da viale della Resistenza si fanno ancora le rotaie, la fabbrica è stretta e lunga, non è possibile alcun progetto di aree verdi, musei del ferro e via dicendo senza passare da un serio confronto con l’azienda; per non parlare delle concessioni demaniali, in una fase strategica di rivisitazione dei piani urbanistici generali". 

Insomma, tutti aspetti che per Gelichi andrebbero affrontati, compreso le demolizioni, con la dovuta oggettività compreso le 

"Sono preparati gli operai di piombino? Se no, come pensiamo di formarli? L’unico capannone demolito recentemente ci risulta eseguito da una ditta esterna e smaltito altrove. Non esiste un piano per le bonifiche, non esiste un piano di economia circolare e che fine hanno fatto gli Accordi di Programma? Se non sono più adeguati, chi lavora e come per attualizzarli? - incalza Gelichi - Non si possono liquidare questi enormi temi con i comunicati stampa, non quando si governa un territorio".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Da domenica 25 Aprile dall'incrocio con Viale Amendola fino a via Salivoli la strada sarà chiusa al traffico veicolare
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Politica

Attualità

Attualità