Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:41 METEO:PIOMBINO24°30°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 11 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Donna premier e di destra, la «missione impossibile» di Meloni: i due messaggi forti e il rischio passi falsi

Attualità domenica 27 febbraio 2022 ore 07:05

Il delitto di Campo alle Fave

Copertina del libro Piombino com’era di Elena Migliorini, in copertina l’Ideal Bar

Su #tuttoPIOMBINO di QUInews Valdicornia “Il delitto di Campo alle Fave” tratteggiato da Gordiano Lupi



PIOMBINO — Il delitto commesso dai fascisti a Campo alle Fave si può ricostruire grazie a due sentenze dal contenuto diametralmente opposto: assoluzione dei responsabili presso la Corte d’Assise di Pisa, nel 1922; condanna a nove anni di reclusione, nel 1945, presso Corte d’Assise di Perugia, pena non scontata per amnistia. I documenti ufficiali si possono consultare sul testo di Pietro Bianconi, Il movimento operaio a Piombino. Va da sé che le diverse sentenze sono figlie dei tempi, ché in pieno periodo fascista la verità storica viene manipolata e i testimoni chiave non sono ascoltati. Rileggiamo i fatti.

Tutto parte dall’Ideal Bar - covo di fascisti localizzabile in corso Italia, presso l’odierno Albergo Moderno - e vede protagonisti un gruppo di fascisti capitanato dal segretario Adolfo Lapi e da altri due membri del Direttorio: Gastone Garabaglia, capo del personale Ilva, e Francesco Vallesi, un fascista legato ad ambienti clericali. La missione che si sta per compiere, finanziata da Magona e Ilva e messa in atto da un gruppo di delinquenti comuni, è l’assassinio dell’anarchico Amadio Lucarelli e del comunista Attilio Landi. L’Ideal Bar, detto il Barrino, è il covo dei fascisti piombinesi, anche perché il gerarca Adolfo Lapi è l'amante di Silvia Paffi (vedova Pieracci) che lo gestisce, per questo a quei tavoli gli squadristi vengono a prendere ordini per le spedizioni punitive. In quel bar si possono trovare rivoltelle e pugnali, nascoste nei luoghi più impensati, da usare in azioni di rappresaglia e per intimidazioni contro nemici politici.

Quel 9 luglio del 1922, verso le 14 e 30, parte una diligenza con le tendine abbassate, carica di fascisti, una carrozza con i sedili laterali adibita a trasporto operai verso gli stabilimenti. La carrozza si ferma alla locanda La Fiorentina, cinque chilometri da Piombino, dove i fascisti scendono cantando, bastonano qualche presunto anarchico seduto a bere vino, quindi si dirigono verso Campo alle Fave, minacciando chiunque trovino sul loro cammino. Località Fiorentina è un pugno di case di contadini lungo la Strada della Principessa, con una bottega che vende di tutto, dal tabacco al pane, passando per petrolio e vino, è lì che si danno appuntamento gli uomini per bere, giocare a carte e a bocce. Da Fiorentina, per un sentiero impervio, tra canneti e rovi, si raggiunge Campo alle Fave, in mezzo alla macchia, tra carbonaie e campi coltivati.

I fascisti, disposti in tre piccole squadre, si spingono in quei luoghi, spaventando a colpi di pistola i contadini che incontrano, cercando chi devono giustiziare. Le vittime designate sono Amadio Lucarelli - che ha preso a mezzadria un bosco e sta coltivando un campo di pomodori - e Attilio Landi, che ha acceso delle carbonaie. I fascisti vedono i ricercati e li apostrofano con i loro soprannomi: “Ecco il gobbo!”, alludono al Lucarelli. “Ecco il biondino!”, parlano del Landi. E si mettono a sparare ad altezza d’uomo, questa volta per uccidere. Lucarelli cade a terra morto, Landi si salva, può sporgere denuncia alle autorità e far arrestare i colpevoli, anche se il processo finisce in una bolla di sapone. Attilio è il fratello di Landino, ucciso il 21 maggio, schedato come sovversivo, così come Amadio Lucarelli è un anarchico (fratello di Pio, il noto orefice).

Vengono arrestati Dino Marzili (scappato a Firenze) e il direttore dell’Ilva Gastone Garabaglia, che dopo una breve fuga a Milano si costituisce, ma il processo termina con una sentenza di assoluzione, tra intimidazioni e coperture giudiziarie. Una parvenza di giustizia si ottiene solo nel 1945, dopo la cattura da parte dei partigiani dei responsabili, ma i principali colpevoli - Adolfo Lapi e Pilade Mela (9 anni e sei mesi) - vengono scarcerati per amnistia.

Un altro episodio da non dimenticare.

Gordiano Lupi
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Gli attivisti del Gazebo 8 giugno hanno organizzato l’iniziativa dal bagno Ponte d’oro in Costa Est
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

RIGASSIFICATORE

Attualità

RIGASSIFICATORE

Attualità