Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO10°15°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 06 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, Achille Lauro vestito da sposa bacia Boss Doms e duetta con Fiorello

Lavoro domenica 21 febbraio 2021 ore 09:26

Jsw, Fiom chiede di accelerare i tempi

David Romagnani

Romagnani (Fiom-Cgil): "Governo insediato, si faccia velocemente chiarezza sul futuro dello stabilimento Jsw". Dubbi sul secondo lotto della 398



PIOMBINO — "Ora che il Governo si è insediato è tempo di capire se lo stabilimento di Piombino può essere rianimato oppure se dobbiamo refertare il definitivo decesso", parole di David Romagnani segretario generale Fiom-Cgil provincia di Livorno che chiede un cambio di passo per la vertenza Jsw ma c'è di più.

"In tutta franchezza suonerebbe come un alibi la mancata nomina di sottosegretari, aiuti, vice-aiuti, usceri e chi più ne ha ne metta, un argomento che non regge all'urgenza di stringere i tempi, considerato che in questi giorni il Ministro Giorgetti ha presieduto l’incontro per Whirlpool e Arcelor Mittal. - ha proseguito Romagnani - Ogni giorno che passa infatti, si tenta di staccare un morso di carne viva al moribondo completamente fermo: ieri le concessioni, oggi un nuovo tracciato che spezza in due la fabbrica, domani chissà cosa con il redigendo Piano Strutturale dell'Amministrazione comunale di Piombino".

"In ordine temporale, - ha spiegato - l'ultimo brandello di carne che si tenta di strappare é rappresentata appunto dall’intenzione delle Amministrazioni Comunale e Autorità di Sistema Portuale di approvare l’iter che porterà come atto ultimo all’esproprio per ragioni di strategicità pubblica un tracciato della 398 verso il porto all'interno dello stabilimento. Un atto quello dell'APdS che sarà formalizzato il primo marzo con il voto dal comitato di Gestione, ultimo atto della presidenza Corsini che lascerà il 15 Marzo successivo. Non sfugge che chi ha preparato la regia di un gesto che sarà destinato a lasciare strascichi ha visto bene di non lasciarlo quale pesante iniziazione alla nuova presidenza. Tale tracciato di fatto taglierebbe fuori il Treno Rotaie - meglio noto come TPP - dal resto dello stabilimento dove ci aspettiamo sorga la nuova acciaieria. Sia chiaro: siamo i primi a ritenere che le infrastrutture come la 398 sono vitali. Ci siamo battuti per averle perché utili all'intero sviluppo del territorio, del porto ed infine agli stabilimenti stessi. Al contempo ricordiamo non sommessamente che su ogni metro quadro di quella superficie insiste il futuro di 2000 dipendenti. Questa preoccupazione non deve suonare come un'accusa alle amministrazioni che devono andare avanti, nonostante l'indolenza di chi guida il più importante insediamento industriale piombinese. Semmai è una accusa precisa nei confronti proprio di tale dirigenza e proprietà. Non è più chiaro se si tratta di sola superficialità - della quale peraltro dubitiamo - oppure se si tratta di una precisa strategia di dismissione e disimpegno".

E annuncia: "Nei prossimi giorni, certi di interpretare le comuni preoccupazioni delle sigle confederali, anche come Fiom troveremo il modo di chiarire e manifestare un pensiero comune nell'interesse dei lavoratori e delle lavoratrici delle acciaierie di Piombino. Le priorità restano e resteranno la salvaguardia e la creazione di posti di lavoro utilizzando gli spazi necessari e certamente liberando aree, solo se non necessarie all'attività core dello stabilimento".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

CORONAVIRUS

Attualità