Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:57 METEO:PIOMBINO13°22°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 13 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
G7, tutti in Puglia: ma che ci fanno Erdogan e il Papa?

Politica giovedì 28 settembre 2023 ore 17:50

"Il Pd è diviso e mente sulla sanità"

La coalizione di maggioranza a Piombino ribatte ai gruppi Pd e Anna per Piombino rispetto ai dubbi sollevati sul documento per l'ospedale unico



PIOMBINO — "In Consiglio comunale abbiamo portato la proposta di riorganizzazione dell’ospedale approvata nella conferenza zonale dei sindaci delle Valli Etrusche, tutti, nessuno escluso, a prescindere dalla collocazione politica, per dare mandato al sindaco al tavolo con la Regione Toscana e con la direzione dell’Asl Toscana Nord. Il gruppo consiliare Pd ha votato contro".

Così la coalizione di maggioranza del Consiglio comunale di Piombino ha replicato ai gruppi Pd e Anna per Piombino a proposito del documento per l'ospedale unico di Cecina e Piombino (leggi qui sotto gli articoli collegati).

"In quel documento è scritto a chiare lettere che consideriamo prioritaria la realizzazione della sala di emodinamica nel presidio ospedaliero di Piombino per poter garantire ai cittadini pari dignità di trattamento rispetto agli altri territori della Toscana, stante l’elevata incidenza di morbilità e mortalità per patologie cardiache tempo-dipendenti per le quali non è ad oggi garantito il rispetto dei tempi previsti per il trattamento. Ed è anche scritto che vogliamo avviare un percorso di rivalutazione per l’adeguamento strutturale necessario al ripristino del Punto nascita nel presidio ospedaliero di Villa Marina. - si spiega in una nota a firma della maggioranza - Il Pd di Piombino cerca di dividere i sindaci, in gran parte espressione dello stesso Pd, delle Valli Etrusche per spaccare il fronte di unanimità faticosamente raggiuntoe lo scopo è solo quello di indebolire ancora una volta il nostro territorio, togliendogli la forza di imporsi ad una Azienda e ad una Regione che continuano a sacrificarci a favore delle aree centro settentrionali, molto più importanti sul piano dei consensi e del ritorno elettorale".

"Ci chiediamo se il Pd piombinese sia preoccupato del disagio che la Regione Toscana potrebbe provare nel confrontarsi con un fronte unito e trasversale di sindaci che sostengono le ragioni del proprio territorio anche andando oltre l'appartenenza. - hanno proseguito - Capiamo la difficoltà di un partito che ha sacrificato il nostro ospedale in obbedienza alla giunta regionale toscana, in totale subordinazione alle sue decisioni e per anni ha permesso il sistematico impoverimento dei nostri servizi sanitari; capiamo la loro irritazione nel vedere finalmente superate quelle divisioni alimentate ad hoc da interessi politici ai quali hanno sempre sacrificato il nostro territorio.Capiamo anche l’atteggiamento becero e offensivo che alcuni consiglieri del Pd hanno tenuto in Consiglio comunale urlando e offendendo: anche a questo comportamento scomposto siamo ormai abituati. Quello che ci stupisce è la loro incapacità di leggere e capire quello che c’è scritto nel documento: questo è segno di ignoranza o peggio di malafede. Cercheremo di impedire al Pd di Piombino di far affogare nelle sue contraddizioni la speranza di rilancio e potenziamento del nostro ospedale", hanno concluso.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il 32enne di Piombino ha perso la vita nell'incidente avvenuto sull'autostrada A12 tra Carrara e Sarzana
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Attualità

Cultura