Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:15 METEO:PIOMBINO25°27°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 12 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Nubifragio alle isole Eolie, le strade di Stromboli invase dal fango

Attualità giovedì 10 marzo 2022 ore 19:14

Rigassificatore a Piombino, ecco i primi dubbi

Usb "Modo per prendere ancora tempo sul futuro dell'impianto siderurgico. Oltre ai tempi lunghi, sul piatto della bilancia, mettere anche i rischi"



PIOMBINO — "Con quale faccia i soliti noti si presentano oggi sponsorizzando quest’opera dopo anni di promesse mai mantenute per quanto riguarda l’acciaieria?", è l'Unione sindacale di base a porre questa domanda riferendosi all'ipotesi di un rigassificatore a Piombino.

"La crisi Ucraina ha reso manifeste tutte le debolezze che, sia il nostro paese ma anche gli altri Stati Europei, hanno in merito all’approvvigionamento energetico. Al di là come la si pensi, dal punto di vista politico, il primo dato è il seguente: nonostante i vari annunci, in Italia un vero progetto, sostenuto da investimenti consistenti, di riconversione energetica verso fonti sostenibili non è mai decollato. Manca chiaramente la volontà politica. Oggi, a distanza di 10 anni esatti dall’entrata in funzione del rigassificatore OLT di Livorno, siamo ancora fermi al palo. Si parla di riaprire le centrali a carbone, di un ritorno al nucleare e, ancora una volta di rigassificatori. - hanno spiegato dal sindacato - Se la crisi Ucraina e le sanzioni contro la Russia potevano 'insegnarci' qualcosa questa non è sicuramente la strada giusta. Un conto è riaprire, temporaneamente e sull’onda dell’emergenza, alcune centrali ferme. Un conto e mettere in campo una progettualità di medio e lungo periodo che continui ad essere incentrata sui combustibili fossili". 

"Partendo dall’esperienza Livornese vogliamo dire alcune cose ai cittadini e ai lavoratori di Piombino. - hanno aggiunto - Il rigassificatore di Livorno è sostanzialmente una grande nave metaniera collegata ad una stazione gas a terra che funziona da collettore per l’ingresso del metano nella rete. L’iter per la sua installazione è durato 7 anni ed è costato circa un miliardo di euro. Con un impatto occupazionale vicino allo zero e compensazioni ridicole per i Comuni interessati. Arriviamo quindi al punto. Perché si dovrebbe mettere in campo un nuovo investimento tanto consistente per vederne i frutti eventualmente tra anni? Il nostro paese, ma anche la stessa Piombino, hanno bisogno di questo? Con quale faccia i soliti noti si presentano oggi sponsorizzando quest’opera dopo anni di promesse mai mantenute per quanto riguarda l’acciaieria?" (leggi qui l'articolo collegato).

"E' un modo per prendere ancora tempo sul futuro del nostro impianto siderurgico. Oltre ai tempi lunghi, sul piatto della bilancia, bisogna mettere anche i rischi dal punto di vista della sicurezza e l’impatto ambientale. Argomenti non certo trascurabili. - e hanno concluso - Come Unione Sindacale di Base ci mettiamo a disposizione per intraprendere un percorso comune di discussione per arrivare a delle proposte serie sul futuro industriale di Piombino a partire dall’esigenza delle bonifiche dei siti, da veri investimenti per il nostro territorio sulle fonti rinnovabili di qualsiasi tipo fino alla possibilità di un progetto basato sull’idrogeno green".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L’analisi al microscopio, effettuata dagli operatori del Settore Mare di Piombino, ha permesso di individuare la causa di questa anomala colorazione
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

RIGASSIFICATORE