Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO14°17°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 06 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Omicidio Cerciello, la vedova in lacrime: «Questa sentenza non mi riporterà Mario»

Lavoro giovedì 07 gennaio 2021 ore 15:15

Jsw, "convocare il Consiglio di fabbrica"

Opposizione Cgil

Opposizione Cgil: "L’ingresso dello Stato in azienda in posizione decisionale non è più riviabile; esso deve prevedere l’estromissione di Jindal"



PIOMBINO — "La vicenda Jsw assumerebbe contorni melodrammatici, se non ci fosse in gioco la sorte di centinaia di lavoratori e lavoratrici diretti e dell'indotto, spazzato via da tempo, delle loro famiglie, dell’intero territorio e della siderurgia italiana. Il recente confronto ha fatto registrare la conferma che l’azienda non offre alcuna garanzia e che il progetto (non è comunque il piano!) industriale preannunciato per l’ennesima volta sarà quasi certamente l’ennesimo libro dei sogni". così l'Opposizione Cgil ha commentato le ultime notizie relative alla vertenza Jsw Steel Italy frutto dell'ultimo incontro con i rappresentanti di Governo, azienda e sindacati (leggi qui sotto gli articoli collegati).

"L’ingresso dello Stato in azienda in posizione decisionale non è più riviabile; - hanno proseguito - esso deve prevedere l’estromissione di Jindal, per praticare un disegno industriale di alta qualità. Un disegno che, per esempio, preveda la produzione di rotaie di prim’ordine, offerte in pacchetti di servizi efficienti e competitivi rispetto a realtà quali Voestalpine. L’altra faccia della medaglia non può che essere il coordinamento dell’intero comparto siderurgico italiano, da Taranto, a Terni, a Piombino, mediante una pianificazione moderna e lungimirante, rispettosa dell’ambiente: qui è urgentissimo smantellare la cokeria, e realizzare un nuovo treno rotaie, nonché i nuovi forni elettrici promessi, lontano dalla città. E non solo un forno".

"Intanto, - hanno proseguito - in fabbrica si sfiora la tragedia quando crolla la gru: nel pieno rispetto del lavoro degli Rls, domandiamo che cosa ha fatto il Servizio di prevenzione dell’Asl prima e dopo l’incidente". 

L'’Opposizione Cgil ha infine chiesto con forza alle organizzazioni sindacali di convocare urgentemente il Consiglio di fabbrica e quindi i lavoratori, nelle modalità consentite dalle norme anti-Covid, per allestire le indispensabili mobilitazioni locali e nazionali, anche in vista del prossimo confronto con azienda, istituzioni e Mise.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dall'inizio della pandemia sono stati registrati 140 casi di positività al Covid-19, 121 le persone guarite e 2 quelle decedute
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Politica