Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PIOMBINO20°23°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 19 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Frecce Tricolori, il video delle spettacolari evoluzioni sulle note di «Nessun Dorma»

Lavoro lunedì 12 luglio 2021 ore 16:49

Jsw, tra dubbi e incertezze ecco la convocazione

La portineria Jsw

Ottenuto l'incontro annunciato per la fine di Luglio per discutere del futuro dello stabilimento siderurgico. Dubbiosi i lavoratori Camping Cig



PIOMBINO — Si svolgerà il 29 Luglio alle ore 11 in videoconferenza l'incontro per discutere della vertenza Jsw Steel Italy. 

Dopo la mobilitazione che ha portato a Roma centinaia di lavoratori, è arrivata la convocazione del Ministero dello sviluppo economico che chiama a raccolta il Ministero del lavoro, il Ministero delle infrastrutture, Regione Toscana, Autorità di sistema portuale, azienda Jsw, il commissionario straordinario Lucchini e i sindacati nazionali e locali.

L'incontro era stato chiesto a gran voce dalle forze sindacali per riuscire a mettere una volta per tutte sul tavolo gli impegni dell'azienda e del Governo per il rilancio del polo siderurgico di Piombino.

Dubbiosi i lavoratori del Coordinamento Art.1 - Camping Cig che proprio a seguito della mobilitazione a Roma del 7 Luglio hanno esternato in una nota una serie di incertezze che permangono in tutta questa vicenda.

"Se ci avessero dato 1 euro ogni volta che i vari Governi ci hanno definito strategici, senza poi fare niente, avremmo già risolto tutti i problemi del territorio. - hanno commentato - Il problema è che non possiamo stare per niente tranquilli, al contrario. Secondo il Camping Cig, perciò deve essere subito convocata l'assemblea unica dei lavoratori, tutti insieme lavoratori in cig e quelli in produzione. Devono essere loro a giudicare l'esito dell'incontro e a decidere cosa fare. Serve una vertenza unica che metta insieme fabbrica e città su siderurgia, bonifiche, diversificazione, infrastrutture, servizi sanitari, per costringere il governo a destinare ingenti risorse in un piano di rinascita, condiviso dai lavoratori e dai cittadini. Una precondizione è indispensabile: il governo trovi il modo di espellere Jindal dal territorio, o al limite lo faccia diventare un socio di minoranza che obbedisce allo Stato".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La sala operativa della Protezione civile regionale ha emesso un'allerta meteo con codice giallo per la costa e le isole dell’Arcipelago toscano
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca