Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:32 METEO:PIOMBINO23°25°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 25 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il patriarca Kirill scivola sull'acqua santa e cade durante la funzione religiosa

Lavoro lunedì 21 marzo 2022 ore 09:51

Jsw, "destino dipende dalla nostra reazione"

Il Camping Cig chiama alla mobilitazione e chiede ai sindacati di convocare un'assemblea unica per coinvolgere tutti i lavoratori



PIOMBINO — "Quando verrà convocata da Rsu Jsw e sindacati territoriali l'assemblea unica e unificante, richiesta e accolta a Febbraio nel corso delle precedenti assemblee frammentate?", lo chiedono dal coordinamento Camping Cig ritenendo urgente a questo punto che i lavoratori attivi, in cig o dell'indotto condividano una grande assemblea unica "per ridurre le divisioni tra i lavoratori e affermare che ci salviamo tutti o non si salva nessuno: soprattutto, per decidere insieme tempi e modi della mobilitazione non più rinviabile".

"E' indispensabile - hanno proseguito dal gruppo di attivisti - arrivare con lavoratori, lavoratrici e cittadinanza in piedi al previsto incontro pubblico con i dirigenti sindacali e politici nazionali. Ad esso non deve mancare il ministro Giorgetti o un suo rappresentante politico, non un semplice funzionario ministeriale. In quell'occasione, va chiarito che la revoca delle concessioni portuali a Jindal, richiesta dal sindaco di Piombino, ha senso unicamente se è contestuale all'estromissione di Jindal e all'ingresso dello Stato nel pieno controllo delle acciaierie. Senza tacere che si rischiano comunque centinaia di esuberi, ai quali vanno assicurati pure interventi per uscite volontarie e prepensionamenti non penalizzanti. Il tutto, nel quadro di un piano di rinascita comprensoriale, con l'intervento decisivo e decisionale dello Stato, centrato su quanto cittadini, organizzazioni e istituzioni di Piombino hanno espresso sinora (e auspicabilmente esprimeranno nel prossimo futuro) in materia di diversificazione economica; bonifiche; infrastrutture ferroviarie e stradali (398); servizi sanitari pubblici, a partire dall'ospedale di Villamarina e dalla prevenzione infortuni sul lavoro: pure per questo il ministro deve venire a Piombino".

"I lavoratori devono capire che siamo all'ultimo giro. Se entro pochissimo tempo non ci sarà un progetto credibile per lo stabilimento, nel 2023 non vi sarà più lavoro per nessuno e non sarà rinnovata nemmeno la cig. Coraggio, buona parte del nostro destino dipende dalla nostra volontà di reazione", hanno concluso dal Camping Cig annunciando la loro presenza alla manifestazione indetta per il 26 Marzo a Firenze dal Collettivo ex-Gkn.

Intanto, si attende una risposta alla richiesta di convocazione al Mise firmata da Fim, Fiom e Uilm la scorsa settimana (leggi qui l'articolo collegato).


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La sindaca Ticciati: “Ferrari rinnega le ragioni della condivisione strappando il nostro passato più bello e il disegno per lo sviluppo futuro”
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità